FoodClub | Logo

Staj Noodles Bar, finalmente Napoli ha il suo Ramen (o forse no?)

ramen,noodles,napoli,cucina giapponese,antonio lucifero

Staj Noodles Bar, finalmente Napoli ha il suo Ramen (o forse no?)
Staj Noodles Bar
Via Bisignano, 27, 80121 Napoli NA
Aperto pranzo e cena,Lunedì Chiuso
081 1838 6377 Prenotazioni: thefork.it Ordina: deliveroo.it, justeat.it

In queste circostanze è sempre difficile dire tutto ciò che si pensa.

Una nuova attività, un format interessante mancante nel panorama gastronomico partenopeo di cui spero sicuramente nel successo in quanto amante di questo genere di cucina.

Come spesso si dice in giro "Se sto bene ne parlo, altrimenti evito, ci lavorano delle persone, una critica potrebbe fargli male" ma se non la facessi dando quello che è il mio umile pensiero probabilmente rischiano qualcosa in più.

Staj Noodles Bar, finalmente Napoli ha il suo Ramen (o forse no?)

Il locale è ben strutturato , pochi posti a sedere, cucina a vista, prodotti freschi e cucinati al momento.

Un menù variegato ma non infinito, si va dai Dumpling al Ramen, passando per i noodles saltati nel wok ai Bao Bun.

Staj Noodles Bar, finalmente Napoli ha il suo Ramen (o forse no?)

Personale gentile e disponibile, mi è stato chiesto più volte se avessi bisogno di informazioni, il servizio è stato veloce e corretto ma (purtroppo) la cucina non ha soddisfatto le attese e non perchè ci fossero errori tecnici ma per l'idea che è alla base del format.

Si è cercato di "Napoletanizzare" e ingentilire fin troppo per poter rendere il format pronto e appetibile a tutti e questo porta a diversi problemi:

Chi è amante della cucina orientale ì, probabilmente in un Ramen ricercherà esattamente (o giù di lì) una preparazione che sia simile all'originale, chi invece non sa cosa sia e vorrà provarlo per la prima volta assaggerà qualcosa che probabilmente non gli indurrà alcuna emozione, visto e considerato che il NAPOLETANO in genere non è un cultore dei brodi e delle zuppe fuori casa, dubito che possa trovare un buon motivo per ritornare dopo essersi passato la prima volta per levarsi "LO SFIZIO".

Staj Noodles Bar, finalmente Napoli ha il suo Ramen (o forse no?)

Il ramen "MISO" seppur piacevole era totalmente opposto al suo parente nipponico, la caratteristica di questo tipo di zuppa è la sua opulenza e la lieve dolcezza derivante dalla lenta cottura del pollo ,del miso su base alga kombu, qui invece il brodo si presentava chiaro, leggero e totalmente amaro in quanto l'olio di aglio bruciato (probabilmente dosato male) ha finito per essere troppo coprente e dominante, cancellando (se presente) la piacevole nota marina delle alghe e la dolcezza del brodo, dulcis in fundo la carne di maiale macinata che pur se cotta separatamente e aggiunta in fase di composizione finiva per essere una serie palline grige vaganti senza grande sapore e consistenza.
Perchè rendersi la vita difficile? se da secoli in giappone utilizzano una corposa fetta di pancia di maiale, un motivo ci sarà?

Stesso discorso per il Ramen "Shio", napoletanizzato con rucola e basilico, ma assente di corpo il quanto questo tipo brodo si apprezza proprio per la base di ossa (maiale o pollo).

Staj Noodles Bar, finalmente Napoli ha il suo Ramen (o forse no?)

La pasta dei dumpling era ben fatta, omogenea e leggermente più spessa per evitare che si rompessero in cottura, un ripieno importante (soprattutto nel caso in cui sia liquido) richiede questo spessore, peccato poi scoprire che non erano sufficientemente farciti e quindi squilibrata la proporzione pasta/ripieno.

Staj Noodles Bar, finalmente Napoli ha il suo Ramen (o forse no?)

Abbiamo chiuso la degustazione con dei Bao Bun, la pancia di maiale bene e l'insieme delle verdurine era piacevole, anche in questo caso (basta guardare la foto) la farcitura era totalmente sbilanciata a favore del bao che per forza di cose non si riesce a finirlo.

Staj Noodles Bar, finalmente Napoli ha il suo Ramen (o forse no?)

Ora comprendo la giustificata volontà di adattare il format al mercato napoletano (provando a proporre una cucina ruffiana, piaciona e che accontenti tutti) in una posizione strategica, al giusto prezzo, in un locale carino il tutto condito da buon servizio, ma mi domando:

Se al napoletano ortodosso non ha mai fatto impazzire mangiare brodo fuori porta e l'amante della cucina orientale non troverà argomenti interessanti, a chi è destinato questo format?

ps. Ritornerò.