FoodClub | Logo

70 rappresentanti della Catalonia riuniti all'Hotel Majestic per chiedere la riapertura dei ristoranti: Ferran Adrià, Joan Roca, Oriol Castro, Jordi Cruz, Ada Parellada e tanti altri

Ferran Adrià, Joan Roca, Jordi Cruz, Carles Abellán, Fermí Puig per la riapertura

70 rappresentanti della Catalonia riuniti all'Hotel Majestic per chiedere la riapertura dei ristoranti: Ferran Adrià, Joan Roca,  Oriol Castro, Jordi Cruz, Ada Parellada e tanti altri

L'Hotel Majestic di Barcellona è stato sede di una riunione di settanta dei massimi rappresentanti dell'alta cucina della Catalogna. Ferran Adrià, Joan Roca, Carme Ruscalleda, Hermanos Torres, Oriol Castro, Jordi Cruz, Carles Abellán, Fermí Puig, Ada Parellada sono solo alcuni dei nomi dei partecipanti.

I partecipanti all'incontro hanno convenuto di criticare che le pubbliche amministrazioni "intendono addebitare il costo della crisi alle spalle dei ristoratori (e, globalmente, delle aziende)", ha riferito il sindacato.

L’obiettivo dell'incontro convocato dal Gremi de Restauració de Barcelona è stato quello di concordare una serie di misure che verranno presentate alla Generalitat in alternativa alla chiusura dell'attività alberghiera.

La riapertura di bar e ristoranti -con tutte le attenzioni- è una delle proposte che si vorrebbe fossero avviare già da questo fine settimana.

Roger Pallarols, il direttore del Gremi, ha chiesto : "la Generalitat deve ascoltare, negoziare e rettificare, deve autorizzare, a partire da questo fine settimana, l'inizio di un nuovo processo di de-escalation . La ripresa dell'attività nei bar e nei ristoranti deve includere l'interno e l'esterno (terrazza) e anche tutti i pasti della giornata", ha sottolineato il direttore.

Con un occhio al periodo natalizio, che rappresenta il 25% del fatturato annuo del settore dell'ospitalità, si cercano soluzioni che possano evitare la perdita di milioni di euro che la chiusura comporterebbe in quel periodo. Un dato che si aggiungerebbe alla riduzione del 90% del fatturato che il settore ha accumulato nel corso del 2020 e che, inevitabilmente, significherebbe la chiusura definitiva di un'alta percentuale di attività ricettive.

Al termine dell'incontro, Ferran Adrià ha affermato “stiamo rischiando migliaia di posti di lavoro, imprese che chiuderanno se non verranno presi provvedimenti come la riapertura dal Gremi de Restauració. In caso contrario, la situazione sarà insostenibile.

Anche il prossimo anno non sarà fantastico, sarà molto difficile.”

Lo chef ha sottolineato: “Si è parlato di diversi provvedimenti che verranno presentati alla Generalitat. Sarà richiesto aiuto. L'amministrazione spagnola dovrebbe aiutare. Sappiamo che non è facile ma bisogna essere consapevoli che se non arrivano aiuti, questa sarà una tragedia a livelli che nessuno immagina. Saranno tantissimi i negozi che chiuderanno nel 2021”.

Oriol Castro ha detto: “Abbiamo messo insieme un po’ tutta la gastronomia non solo quella di alto standard per provare ad aprire questo venerdì. È difficile, ma dobbiamo spingere un po’."

Considerando la consegna come una soluzione che molti hanno adottato per far fronte alla perdita economica, dice che nel suo caso “significa fare qualcosa, non essere disoccupati. Eppure non risolve nulla per noi. L'importante è che possiamo aprire, che possiamo lavorare e far lavoro a quelle quaranta famiglie a cui, nel nostro caso, diamo lavoro, perché ti viene la pelle d'oca quando vedi un operaio che non ha i soldi per pagare una bolletta".

Joan Roca, un altro degli chef presenti a questo incontro, ha spiegato “L'incontro è andato bene, vogliamo essere ottimisti su tutto ma la situazione è drammatica. Siamo molto preoccupati ed è per questo che c'è stata questo incontro a Barcellona che può rappresentare l'intero paese perché i problemi sono gli stessi. Abbiamo cercato di concordare misure accettabili in modo da poter andare avanti. Vogliamo tornare all'attività, anche con limitazioni, ma tornare il prima possibile. Sta pagando un prezzo altissimo la ristorazione in Catalogna e questa situazione non può continuare”.

Joan roca ha aggiunto poi: “Il settore è molto vario, con tanti tipi di ristoranti molto diversi e siamo venuti non tanto pensando a noi stessi ma per dare supporto; pensando che è un settore che sta attraversando un brutto periodo e che, se non possiamo riprendere la nostra attività o ricevere aiuti, molti ristoranti finiranno per chiudere. E questo renderà solo la strada più probabile alle grandi città come Barcellona di finire nelle mani di franchising e di un'offerta molto omogenea: perderemo questa caratteristica così importante che abbiamo grazie alla gastronomia di questo paese che è riconosciuta in tutto il mondo. Per questo credo che le decisioni debbano essere prese anche pensando all'azienda e all'economia del Paese ”.

Roca continua, dicendo delle conclusioni dell'incontro: “L'idea è di aprire il prossimo fine settimana, e fare come una de-escalation, abbiamo anche proposto un calendario su come agire con misure e restrizioni che in una prima fase proponiamo vengano mantenute fino al 10 dicembre e, da lì, si possono fare progressi. Queste misure includerebbero un protocollo di ricezione, distanza tra i tavoli, capacità limitata, controlli esaustivi, igiene e pulizia. Insomma, sono misure simili alla prima fase del de-escalation, ma con molta più capacità di applicarle e persino di essere monitorate affinché siano soddisfatte”.

Il Gremi de Restauració de Barcelona proporrà al governo di riaprire bar e ristoranti con una capacità interna del 50% e rispettando una distanza di 1,5 metri tra i commensali ai diversi tavoli.

Chiede inoltre di consentire il consumo al bar, aperti fino alle 23:00, e di tenere un registro dei clienti in questi luoghi ora chiusi come misura contro il Covid-19.