FoodClub | Logo

8 giugno, Giornata Mondiale dell'Oceano. Relais & Châteaux sono coinvolti nella lotta globale..

I membri di Relais & Châteaux incoraggiano a diversificare i menu per salvaguardare la fauna di mari e oceani.

8 giugno, Giornata Mondiale dell'Oceano. Relais & Châteaux sono coinvolti nella lotta globale..

Nel 1992, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha proclamato l'8 giugno la Giornata Mondiale dell'Oceano. Lo scopo di questa giornata è di celebrare gli oceani e di educare il grande pubblico al ruolo cruciale che svolgono nel nostro sostentamento, nonché ai diversi mezzi esistenti per proteggerli. Veri polmoni del nostro pianeta, forniscono ad esempio la maggior parte dell'ossigeno che respiriamo. Sono anche un'importante fonte di cibo e medicine e sono una parte essenziale della biosfera. È quindi importante educare il pubblico sul ruolo fondamentale che occupano nel nostro ecosistema e sull'impatto negativo che le attività umane hanno su di loro. Questa giornata mira in particolare a mobilitare e unire le persone di tutto il mondo in un progetto di gestione sostenibile degli oceani. Infine, si tratta di rendere omaggio alla loro bellezza e ricchezza.

Quest'anno è stato scelto il tema "Innovazione per un oceano sostenibile". Innovazione è un termine dinamico e pieno di speranza, e in particolare per l'introduzione di nuove tecniche, idee e prodotti. Tra il 2021 e il 2030 l'Assemblea delle Nazioni Unite rafforzerà la cooperazione internazionale al fine di sviluppare la ricerca scientifica e le tecnologie innovative in grado di collegare le scienze oceaniche ai bisogni della società.

"C'è ancora tempo per salvare gli oceani" insiste Philippe Cousteau, difensore ambientale e oceanografo come il suo famoso nonno, l'esploratore Jacques-Yves Cousteau. Philippe Cousteau assicura che i mezzi siano noti e che si tratti solo di volontà politica. Quando si immerge, non vede più gli stessi sfondi ripresi da suo nonno nel documentario"Il mondo del silenzio", migliaia di scogliere e banchi di pesci vivevano in perfetta armonia. Oggi non è rimasto nulla, il Mediterraneo sta morendo. Gli ecosistemi sono influenzati dall'inquinamento, dalla pesca eccessiva, dall'esplosione industriale e dalla popolazione globale. La biodiversità precipita giorno dopo giorno. È tempo di proteggere gli oceani di cui non siamo pienamente consapevoli, che sono sottovalutati perché ciò che sta accadendo non è così visibile come in superficie. Proteggiamo le foreste, dimentichiamo gli oceani che sono i principali fornitori di ossigeno. E le barriere coralline stanno morendo"è drammatico perché ospitano risorse che alimentano più di un miliardo di persone e impiegano decine di milioni, se non centinaia. Attualmente, solo il 5% circa della superficie dell'oceano è protetto. C'è un movimento in crescita, promosso in particolare dalla Giornata mondiale dell'oceano, per aumentare questa quota al 30% entro il 2030. Proteggere il 30% degli oceani porterebbe ad un aumento della biomassa delle risorse alimentari prelevate dal 600% di mare. Rappresenta più posti di lavoro, più opportunità per le persone di nutrire le loro famiglie ... Quindi proteggere gli oceani è un bene per tutti! L'altra buona notizia è che ciò che è buono per noi tende a essere buono anche per gli oceani, anche se viviamo lontano dal mare. Le nostre scelte per le cose che compriamo, ciò che mangiamo, il modo in cui utilizziamo energia, auto elettriche o mezzi pubblici può essere migliore per la nostra salute e anche per gli oceani."

Relais & Châteaux, l'associazione di hotel e ristoranti di lusso, è coinvolta in questa lotta globale: "Relais & Châteaux incoraggia i buongustai a pensare  fuori dagli schemi e diversificare i loro menu . Dovremmo evitare la pesca eccessiva di specie o specie allevate in condizioni insostenibili e favorire pesci poco conosciuti, che il talento degli chef ci consente di scoprire sotto una nuova luce. Possiamo farlo cambiando le nostre abitudini di spesa - insieme."

L'associazione e i suoi membri sono consapevoli che bisogna essere responsabili e che le risorse del mare (e della terra) sono essenziali per la sopravvivenza della specie umana. "Lo stato delle scorte è ai minimi storici. Il 90% delle risorse del mondo sono sfruttate al massimo delle loro capacità, compreso il 30% in comprovata pesca eccessiva, secondo la FAO. È quindi giunto il momento di collegare la gastronomia e il rispetto per l'ambiente. Metodi di pesca e allevamento, stagionalità e tracciabilità sono tutti punti critici su cui si impegnano gli chef Relais & Châteaux, in collaborazione con Ethic Ocean, attorno a due assi principali: cucinare sempre pesce il cui habitat è in buone condizioni o allevato in modo sostenibile, con il corollario come diversificazione delle specie presentate nel menu. Nell'ambito di questa giornata mondiale, evitiamo la pesca eccessiva o l'agricoltura in condizioni insostenibili e privilegiamo le specie sconosciute, che il talento degli chef ci consente di scoprire sotto una nuova luce. Inno alla biodiversità marina, questa iniziativa riporterà alla ribalta le specie sottovalutate, sia durante lezioni di cucina, conferenze e menu dedicati. Poiché il consumo di pesce si verifica molto frequentemente nei ristoranti (55% negli Stati Uniti, 45% nel Regno Unito, 30% in Francia), Relais & Châteaux incoraggia i buongustai a pensare fuori dagli schemi, al fine di avere un impatto sulla pesca eccessiva. Cambiando, tutti insieme, le nostre abitudini di consumo".

Molti capi di Maisons Relais & Châteaux sono fortemente impegnati per salvare gli oceani, uno tra questi è il cuisinier pescatore Christopher Coutanceau a del ristorante Villa Grand Voile a La Rochelle: "La cucina rispetta il ritmo dell'oceano, la riproduzione dei pesci e le stagioni. Ogni volta che esco in mare, purtroppo noto la scarsità e il cambiamento nei tipi di cattura. l menu degustazione consente di esaltare il valore dei pesci finora considerati più nobili. Vogliamo cambiare la mentalità dei nostri clienti. Quando torneranno a casa, penseranno all'acquisto di questo tipo di pesce, perché gli sarà piaciuto."

I suoi piatti d'autore, come "La sardina dalla testa alla coda" o "Tutta l'aragosta", mostrano come il gusto e l'impegno non debbano essere contrastati, al contrario. Come prova, lo chef ha appena vinto la sua terza stella nella Guida Michelin.

Olivier Roellinger, il vicepresidente di Relais & Châteaux dichiara che"i cuochi hanno un ruolo da svolgere per condividere le buone pratiche alimentari acquistando localmente, stagionalmente, senza sprechi e consumando meno carne".