FoodClub | Logo

Alessandro Condurro: Pizza delivery. La volontà di aprire ci sta tutta, ma a queste condizioni è un suicidio.

Il manager di Michele in The World interviene sull'ordinanza del presidente Vincenzo De Luca

Alessandro Condurro:  Pizza delivery. La volontà di aprire ci sta tutta, ma a queste condizioni è un suicidio.

Alessandro Condurro manager di Michele in The World è stato impegnato in questi giorni in prima linea insieme a Massimo Di Porzio per ottenere in Campania la riapertura delle pizzerie almeno per l'asporto. Ieri il Governatore Vincenzo De Luca ha disposto con un'apposita ordinanza le modalità e le condizioni per consentire la consegna a domicilio del cibo preconfezionato e delle pizze. Ci sono voci a favore e altre contrarie a quanto deciso.

Abbiamo raggiunto telefonicamente Alessandro Condurro. Ecco che cosa pensa:

«Dico la verità stiamo valutando se aprire o no, Tutti quanti. Perché il modo in cui ci si vuole fare riaprire, almeno la settimana prossima, è assurdo.

Aprire 3 ore di sera (perché di 3 ore di lavoro si tratterà), tranne il 1 maggio che devi restare chiuso, con l’obbligo di sanificare tutti i giorni il locale ed i condizionatori, con la visita medica per i dipendenti, con guanti mascherine copriscarpe e camici monouso, con termometro...

Sfido chiunque a lavorare in queste condizioni.

La cosa che non mi spiego è perché solo per noi, pizzaioli e pizzerie, sono previste queste modalità così rigorose, da sala operatoria.

I supermercati, le panetterie, gli alimentari, non hanno questi obblighi.

La nostra volontà di aprire ci sta tutta, ma credimi, a queste condizioni è un suicidio.

Vediamo in questi giorni cosa riusciamo a fare Intanto la Regione Campania deve spiegare a noi 2 cose:

1. Perché queste restrizioni solo per le pizzerie e le pasticcerie. Nei supermercati non vedo sanificazioni tutti i giorni, né gente con camici monouso e copriscarpe. E nei supermercati entrano centinaia di persone al giorno

2. La Regione vuole farci sentire inadempienti ed irregolari, mentre 50 mila domande di cassa integrazione in deroga sono ancora sul sito della Regione Campania come “in lavorazione” a tutt'oggi 23 aprile. Nonostante tutti i buoni propositi del Governo, quindi, è la Regione Campania ad essere inadempiente nei nostri confronti.

Ecco, questo penso, anche se mi attirerò qualche voce contraria, di dissenso. Chi dice sempre la verità oggi è attaccato, diventa il cattivo della situazione».

Ecco che ha detto Alessandro Condurro a proposito dell'ordinanza di Vincenzo De Luca che ha consentito la delivery per le pizzerie in Campania con una serie di condizioni giudicate troppo gravose.