FoodClub | Logo

Cina, niente più carne di serpente nei ristoranti

Dal 24 febbraio è stato vietato il commercio illegale di animali selvatici

Cina, niente più carne di serpente nei ristoranti

Il clima di panico in Cina sta cautamente migliorando, le attività si stanno ripopolando, ma dopo aver scongiurato l'epidemia in molte regione del paese asiatico, i ristoranti stanno cominciando a cambiare alcune abitudini tradizionali in materia di offerta. Dal 24 febbraio è stato vietato il commercio illegale di animali selvatici.

"Huang Shixiong, uno dei titolari di un ristorante specializzato in carne di serpente in una di queste vie, ha chiuso il suo ristorante a fine gennaio, anche se i suoi concorrenti hanno iniziato ad attirare clienti dopo la pausa prolungata del Festival di Primavera causata dell'epidemia. Huang detiene quote di tre catene di ristoranti a Nanning registrate con il nome di "Rongji", che propongono tutte la carne di serpente come piano principale del menu. Adesso tuttavia Huang ha intenzione cambiare il suo piatto forte, dato che il consumo di animali selvatici è proibito a livello nazionale".

"Il 24 febbraio, il principale organo legislativo cinese ha vietato il commercio illegale di animali selvatici, nel tentativo di far cessare l'abitudine di mangiare selvaggina per salvaguardare la vita e la salute delle persone. Secondo il divieto, la fauna selvatica terrestre ha un importante valore ecologico, scientifico e sociale e non può essere consumata come cibo. "Non è ancora chiaro se i serpenti siano sulla lista delle specie proibite, quindi al momento siamo in attesa di un ulteriore avviso", ha detto Huang, osservando che i serpenti usati nei suoi ristoranti sono allevati in cattività. Dopo l'entrata in vigore del divieto, le autorità locali hanno detto a Huang e ai suoi concorrenti che vendono piatti a base di carne di animali selvatici nella città di sospendere l'attività immediatamente. "Se i piatti a base di serpenti sono vietati, la cucina cantonese sarà per noi un'alternativa adeguata per alleviare le perdite, dato che i nostri ristoranti si ispirano alla cultura culinaria di Guangzhou".

"A Nanchino, capoluogo della provincia orientale del Jiangsu, Yang Derong, proprietario di un ristorante, ha tolto la scritta "carne di animali selvatici" dal nome del suo ristorante prima di riprendere l'attività."Sono nel settore da 12 anni, offrendo per lo più piatti a base di cinghiale, lepre e altri animali da allevamento", ha detto Yang. "Sono animali allevati in cattività forniti da fattorie qualificate nella vicina provincia di Anhui", ha aggiunto. "Abbiamo anche aggiunto una serie di specialità locali per mantenere la popolarità tra i clienti abituali del mio ristorante". Zhang Min, vicedirettore di un sotto-ufficio dell'amministrazione di Nanchino per la regolamentazione del mercato, ha detto che altri ristoranti della città hanno riadattato le loro strategie di mercato per far fronte al nuovo divieto. "La provincia dello Jiangsu ha vietato alle entità di mercato di usare termini come 'selvaggina' o 'animali selvatici' per i nomi dei loro locali", ha detto Zhang. Secondo Lyu Zhi, professore di biologia della conservazione all'Università di Pechino, molte persone pensano erroneamente che mangiare animali selvatici possa rafforzare il proprio corpo e rappresenti un modo per mettersi in mostra. "Ma la natura è un ecosistema organico e la salute degli esseri umani difficilmente può essere sostenuta ignorando il benessere degli animali selvatici", ha detto Lyu. "Inoltre, le persone non hanno bisogno di nutrirsi di animali selvatici per sopravvivere".