FoodClub | Logo

Corea del Sud, chiudono di nuovo bar, discoteche e ristoranti in alcuni quartieri di Seoul

La capitale Seoul chiude nuovamente alcuni dei suoi bar, locali notturni e ristoranti e richiede l'applicazione di norme sanitarie

Corea del Sud, chiudono di nuovo bar, discoteche e ristoranti in alcuni quartieri di Seoul

Di fronte alla moltiplicazione dei casi di contaminazione della scorsa settimana ai locali notturni nel distretto di Itaewon, il comune di Seoul ha ordinato il rispetto delle sette norme di prevenzione sanitaria negli stabilimenti registrati come ristoranti, ma che in realtà funzionano come bar o locali notturni. In caso di violazione delle regole, il divieto di assembramento si applicherà immediatamente per una data più lunga (misurazione della temperatura, registrazione del cliente, download di un'applicazione per un telefono cellulare che limita la diffusione del virus, ecc.).

Questo ordine amministrativo è stato annunciato questa mattina durante un briefing del sindaco della capitale, Park Won-soon. Secondo il comune, 3.112 persone tra i 5.517 individui che figurano nell'elenco dei clienti dei club in questione rimangono irraggiungibili. In questo contesto, la città ha deciso di offrire uno screening anonimo se le persone non desiderano dare il proprio nome.

Un'altra prova che non bisogna abbassare la guardia di fronte alla pandemia di Covid-19, le misure per prevenire l'epidemia, devono essere rispettate perché altrimenti sarà un passo indietro molto più complicato per gli operatori. Cinquanta nuovi casi di contaminazione sono stati collegati a un uomo di 29 anni che è risultato positivo dopo aver visitato 5 club e bar il fine settimana precedente in uno dei quartieri alla moda di Seoul.

Le autorità sanitarie temono lo scoppio di nuove infezioni. La provincia di Gyeonggi, che circonda Seoul e conta 12 milioni di persone, ha anche decretato la chiusura di 5.700 stabilimenti per due settimane a partire da domenica. Tuttavia, il paese sta tornando a una vita normale, le autorità hanno allentato mercoledì scorso le regole del distanziamento sociale, in vigore da marzo.

La Corea del Sud è stata la seconda nazione più colpita al mondo dal Coronavirus alla fine di febbraio, dopo la Cina. L'epidemia era esplosa in particolare da una donna infetta dal virus che aveva contaminato molti seguaci di un'organizzazione religiosa accusata da alcuni di essere una setta. Ma le autorità sono riuscite a controllare la situazione attuando una strategia aggressiva di "rintracciamento, test e cure", la sua gestione della crisi sanitaria è stata riconosciuta a livello internazionale come efficace.

Le strade normalmente affollate di Itaewon erano insolitamente deserte domenica pomeriggio, con alcuni bar e discoteche che mostravano una "chiusura temporanea". Anche se i clienti sono generalmente disciplinati, nei bar e nelle discoteche, le persone sono meno collaborative nel fornire i loro dati di contatto sui registri degli accessi, la necessità di essere tutti cooperativi è fondamentale, indicano le autorità.