FoodClub | Logo

Coronavirus, trovato virus vivo negli imballaggi di alimenti congelati

La Cina rileva coronavirus vivo all'interno degli imballaggi dei congelati. Aumentano i controlli.

Coronavirus, trovato virus vivo negli imballaggi di alimenti congelati

I funzionari sanitari cinesi che indagano su un recente focolaio di Covid-19 hanno affermato di aver scoperto il coronavirus vivo negli imballaggi di alimenti congelati, una scoperta che indica che il coronavirus può sopravvivere nelle catene di fornitura del freddo.

Sabato, il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ha dichiarato di aver trovato tracce di COVID-19 vivo nell'imballaggio esterno del merluzzo congelato nella città costiera orientale di Qingdao e, per la prima volta, è stato rilevato coronavirus vivo al di fuori dei prodotti congelati.

I ricercatori stavano indagando sulla fonte di un nuovo gruppo di casi collegati a un ospedale di Qingdao. Tracce genetiche sono state trovate in campioni di alimenti precedentemente congelati, ma nessun virus vivo è stato precedentemente isolato. L'agenzia ha affermato in una dichiarazione sul proprio sito web, senza specificare da dove proviene il cibo congelato, "è stato confermato che il contatto con l'imballaggio esterno contaminato dal nuovo coronavirus può causare infezioni".

La Cina, che non ha registrato nuovi casi locali in 55 giorni fino allo scoppio dell'epidemia di Qingdao, è stato uno dei pochi paesi a segnalare la possibilità di trasmissione attraverso alimenti congelati. Quando Pechino ha subito un secondo focolaio a giugno dopo che il virus è stato ampiamente contenuto, le autorità hanno suggerito che il nuovo contagio poteva provenire da salmone importato ma i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno affermato che non vi erano prove che trattare o consumare cibo fosse associato al Covid-19. La Nuova Zelanda ha negato la possibilità che una delle loro prime infezioni si verificasse in celle frigorifere.

Così, ad agosto, la Cina ha aumentato i suoi requisiti di ispezione per le importazioni di prodotti congelati, dopo che tracce del virus sono state trovate nelle ali di pollo congelate dal Brasile. I ricercatori hanno anche rilevato il virus nei gamberetti importati e in altri frutti di mare congelati.

Il CDC non ha detto se l'epidemia a Qingdao sia stata causata da imballaggi di alimenti congelati ma questi sono i primi casi di trasmissione locale in quasi due mesi e le tracce del focolaio si basavano su due portuali che inizialmente erano stati diagnosticati in modo asintomatico e si credeva avessero infettato altre 12 persone in ospedale. Non era chiaro se i portuali avessero preso il virus dalle confezioni di alimenti congelati. Tuttavia, il CDC ha avvertito coloro che lavorano i prodotti congelati di non entrare in contatto diretto con la merce. Il CDC ha detto che non c'erano casi di consumatori con il virus e che tale rischio era basso, eppure alcuni residenti hanno iniziato a chiedere un divieto temporaneo delle importazioni di alimenti congelati. Il CDC ha detto che i ricercatori hanno trovato 22 campioni da un totale di 2,98 milioni di campioni di imballaggi alimentari risultati positivi.