FoodClub | Logo

Cresce la vendita di carni di origine vegetale durante la pandemia. I consumatori si orientano verso alimenti che fanno sentire loro al sicuro.

Cresce la vendita di carni di origine vegetale durante la pandemia. Beyond meat fa il botto.

Cresce la vendita di carni di origine vegetale durante la pandemia. I consumatori si orientano verso alimenti che fanno sentire loro al sicuro.

Mentre l'industria della carne ha subito un duro contraccolpo con l'emergenza sanitaria, i produttori di "carni vegane" stanno aumentando la loro produzione per soddisfare le richieste.

Le notizie per l'industria della carne americana nell'ultimo mese non sono state buone. I mattatoi, con la venuta del virus, che "stranamente" colpiva particolarmente i lavoratori di questi stabilimenti, furono chiusi. Il presidente Trump dichiarò gli impianti di lavorazione carne "infrastrutture critiche" e centinaia di ristoranti negli states hanno finito gli hamburger. Con la chiusura degli impianti di lavorazione gli agricoltori hanno dovuto abbattere centinaia di capi di bestiame.

Nonostante questo, la domanda di carne non è rallentata. Le vendite dal 12 aprile a 9 maggio sono state superiori del 28% rispetto alle 4 settimane terminate il 18 maggio, ultimo mese precedente all'arrivo del coronavirus, secondo i dati Nielsen.

Di conseguenza ai problemi dell'industria delle carni, i sostituti di origine vegetale hanno registrato un aumento del 35% delle vendite.

Per soddisfare la domanda, Impossibile Foods ha assunto nuovi dipendenti, aumentando retribuzioni e aggiungendo più turno. Beyond Meat ha registrato vendite record nel primo trimestre di quest'anno.

La nuova generazione di alternative alla carne su base vegetale, sta lentamente prendendo piede tra i consumatori. Ma alcuni sostengono che la notizia di lavoratori ammalati nei mattatoi abbia accellerato il processo e incuriosito i consumatori.

Mentre le vendite in generale di generi alimentari sono aumentate durante la pandemia, il tasso di crescita della carne è stato superato dalle sue alternative.

Prima della pandemia, William Thomas, 19 anni, di solito acquistava carne macinata e pollo durante il suo giro di shopping settimanale. Da aprile, invece ha comprato carne a base vegetale. "Ho sempre cercato di capire di più su quanto avvenisse dietro le quinte dell'industria della carne, e per quanto ne so, non posso ignorare per sempre" , ha detto.

Il signor Thomas, attualmente disoccupato, sta ora seguendo una dieta prevalentemente vegetariana per la prima volta nella sua vita.

"Con la pandemia in giro, non ho la certezza che molte industrie prendendo sul serio le dovute precauzioni, quindi questo mi spinge a orientarmi verso altri prodotti", ha detto.

Alcuni americani stavano già sperimentando diete a base vegetale come un modo per combattere i cambiamenti climatici .

"Penso che si usi molta meno acqua per coltivare un mucchio di piselli di quanto non faccia per far crescere una mucca", ha detto Faizal Karmali, 45 anni, consulente di filantropia indipendente che vive nella sezione Dumbo di Brooklyn.

Il signor Karmali e la sua fidanzata provano da dicembre a seguire una dieta più vegetale. All'inizio dell'epidemia di coronavirus, aveva una brama di carne. Ma poi, ha notato prezzi più alti della carne e ha letto i rapporti sui decessi dei lavoratori.

Lo stabilimento di Impossible Foods a Oakland, in California, non ha ancora avuto casi di coronavirus, ha affermato l'amministratore delegato Pat Brown. Nessun caso è stato segnalato nello stabilimento di Atlantic Natural Foods della Carolina del Nord, che produce la linea di alimenti vegetali Loma Linda, ha affermato Doug Hines, fondatore dell'azienda.

Per anni, le alternative di carne a base vegetale, tipicamente fatte di verdure, legumi e cereali, sono state ampiamente considerate di interesse soprattutto per vegani e vegetariani. Ma nell'ultimo anno, sostituti a base di proteine ​​vegetali si sono presentati in ristoranti raffinati e fast-food; anche alcune grandi aziende di carne hanno iniziato a produrle. Sebbene la loro creazione coinvolga un'alchimia complessa, alcune carni a base vegetale, possono essere cucinate e gustare proprio come la tanto amata carne macinata.

Anche prima del coronavirus, l'interesse per la carne di origine vegetale era in aumento. Da fine dicembre a inizio gennaio, prima che il virus colpisse, le vendite di carne di origine vegetale sono aumentate del 30% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, secondo i dati Nielsen. Le vendite di carne sono aumentate dell'1% circa nello stesso periodo.

Ora, per la prima volta, le carni di origine vegetale hanno un prezzo competitivo rispetto alla carne macinata e talvolta sono più facili da trovare, poiché i timori di carenza di carne spingono all'acquisto di grandi quantità.

Durante la pandemia, Monia Lauretti, 47 anni, ha fatto la spesa online su Instacart . È una pescatrice, ma la sua famiglia mangia carne. Il sito Web aveva messo un limite alla quantità di hamburger che poteva comprare - solo un pacchetto per famiglia. Quindi vide un pop-up pubblicitario per il Beyond Burger.

“Mi chiedevo, che cos'è questo? Non l'ho mai visto prima ”, ha dichiarato Lauretti, una genitrice casalinga nell'Upper West Side di Manhattan. "Hanno il sapore di normali hamburger di manzo e sono deliziosi." Piace anche a suo figlio di 16 anni, Alessandro Dal Bon. Quindi li comprerà di nuovo.

Impossible Foods, che prima della pandemia vendeva più dei suoi prodotti nei ristoranti che nei negozi di alimentari, ha ampliato la sua presenza al dettaglio. Brown ha dichiarato che i suoi prodotti sono ora venduti in oltre 3.000 negozi, rispetto ai meno di 200 di gennaio. La sua forza lavoro di 653 dipendenti a tempo pieno è aumentata rispetto ai 587 di gennaio.

Nel primo trimestre dell'anno, Beyond Meat, le cui azioni sono quotate in borsa, ha registrato ricavi netti di $ 97,1 milioni, con un aumento del 141% rispetto allo scorso anno. I suoi prodotti si trovano ora in 25.000 negozi di alimentari a livello nazionale e la società si è recentemente espansa in Cina.

"Dicevamo che entro il 2030, Beyond Meat potrebbe avere un miliardo di dollari di vendite", ha dichiarato Alexia Howard, senior analyst di ricerca sul cibo americano presso Bernstein , un gruppo di ricerca azionaria. "Ora, stiamo dicendo entro la fine del 2020, che è solo 18 mesi dopo."

Sebbene queste aziende abbiano criticato a lungo l'industria della carne, stanno attenti a non gongolare per i loro successi.

"Non stiamo sventolando la bandiera dicendo: 'Questo è fantastico' ', ha dichiarato Brown, di Beyond Meat. Ma a quanto pare sono veramente vicini ad essere accettati e questo certifica per l'ennesima volta che le scelte dei consumatori sono direzionate verso cibi che in un momento come questo fa sentire loro al sicuro.