FoodClub | Logo

Delivery: I riders di Glovo coinvolti nel trasporto di stupefacenti senza saperlo.

Delivery: I riders di Glovo coinvolti nel trasporto di stupefacenti senza saperlo.

Delivery: I riders di Glovo coinvolti nel trasporto di stupefacenti senza saperlo.

La malavita utilizzerebbe i fattorini di Glovo per smerciare droga sfruttando il servizio di consegna da "privato a privato". Questo è quanto emerso da un controllo di polizia ad un riders.

Madrid - Roberto quando ha preso in carico la sua spedizione, non sapeva che avrebbe dovuto passare un pomeriggio alla stazione di polizia. Il pacco in cui ci sarebbero dovuto essere dei pantaloni nuovi, in realtà conteneva ben altro. La confezione ironicamente portava la dicitura Superdrug, ultimamente ci siamo abituati a marchi di abbigliamento inneggianti al malaffare, questo non ha suscitato in lui alcun sospetto fin quando è stato fermato da un blocco di polizia in Plaza Neptuno. Pareva tutto in ordine, fin quando non hanno aperto il pacco. Nella tasca dei pantaloni trovarono pietre di Hashish. Ha provato a spiegare agli agenti che non ne sapeva nulla fornendo gli indirizzi di origine e destinazione ma è stato comunque arrestato per traffico di droga. .

Glovo è l'unica applicazione di consegna in Spagna che ha un servizio di raccolta e consegna da un indirizzo privato all'altro, la cosiddetta "consegna espresso".

Da quando Glovo ha inaugurato questo servizio, il numero delle corse è aumentato del 100%. "Hai bisogno di qualcosa? Con Glovo, ce l'hai a casa in pochi minuti", questo afferma la propaganda ufficiale dell'azienda.

Pepe Fores, portavoce della piattaforma Riders X Rights (organizzazione per i diritti dei fattorini, ironizza: "Ci affidano un pacco da consegnare da A a B, dentro vi può essere di tutto, farmaci compresi".

Ad ogni modo il problema principale sta nel protocollo d'azione, i ciclisti per contratto non possono fornire in nessun caso i dati degli utenti.

Sebbene non vi siano ancora dati ufficiali, secondo le fonti interne sono stati già diversi i casi simili e nonostante questo le procedure di consegna non cambiano.

Lucas sei mesi fa si ritrovò in una faccenda simile quando lo scorso 5 ottobre gli fu affidata una busta, quando la mise nello zaino cadde una scatola con bustine di cocaina, informò immediatamente la piattaforma.

"Personalmente l'ho fatto ma altri la butteranno via per non trovarsi nei guai, altri la terranno per se, e altri ancora la consegneranno e basta per non perdere tempo e continuare a guadagnare".

Purtroppo il tutto è reso problematico dal modo in cui i fattorini ricevono punti valutazione assegnati dagli utenti, controllare i pacchetti per assicurarsi del contenuto fa perdere tempo e alcuni di loro rischierebbero di essere troppo lenti e di conseguenza valutati male.

Uno di questi è Ramón. "Li apro perché alla fine è in gioco la mia pelle", spiega. La scorsa settimana, ha trovato droga in due delle sue consegne. "Pezzo di lavatrice" diceva la descrizione del primo e "cibo" il secondo.

Una volta che ha comunicato alla società di avere l'hashish, hanno bloccato l'utente e gli hanno consigliato di buttarlo via o denunciarlo. Ha optato per il primo. "Devo continuare a lavorare, non posso perdere il mio pomeriggio alla stazione di polizia", ​​si giustifica. Pochi minuti dopo, ha iniziato a ricevere chiamate da un numero che non aveva registrato. Era il cliente che chiedeva il suo ordine. Aveva salvato il suo numero quando aveva chiamato per assicurarsi l'appartamento. "Ciao, per quanto riguarda l'ordine?" Ha chiesto tramite WhatsApp. Quando ha spiegato cosa era successo, l'utente ha chiesto perdono e lo ha bloccato.

Héctor Merino, presidente dell'Associazione spagnola dei riders messenger (Asoriders), ha chiesto alla società di interrompere questo servizio data la difficoltà di controllarlo e la mancanza di protezione ai lavoratori. La risposta è stata negativa. Questo servizio frutta troppo all'azienda. Ad ogni modo stanno pensando di attivare un "pulsante" da pigiare in queste circostanze per avvisare la polizia dell'accaduto. Il servizio non è stato ancora lanciato, Merino a questo punto teme di non sapere da che parte stia Glovo, se con i fattorini o con gli spacciatori.