FoodClub | Logo

Emmanuele Cossu, lo chef ambientalista

Lo chef Emmanuele Cossu ha ideato una ricetta alternativa per salvaguardare i ricci di mare

Emmanuele Cossu, lo chef ambientalista

I ricci di mare pescati in un anno nelle sole acque sarde sono oltre quaranta milioni. Per ricavare un kg di polpa ad uso alimentare è necessario l'impiego di oltre 1200 ricci. Il rischio di compromettere l'ecosistema e il ripopolamento di questa specie è altissimo. Per combattere il rischio di estinzione, lo chef Emmanuele Cossu del Fronte Mare di Quartu Sant'Elena, vicino Cagliari, ha ideato un modo alternativo per correre ai ripari. "Il riccio è un capriccio" , un piatto dove viene utilizzata la cozza, un mollusco allo stesso modo caratterizzato dallo stesso forte sapore di mare.

Lo chef garantisce un'esperienza gastronomica che sembra funzionare e inoltre il 20% dei ricavati di questo piatto salva-ricci viene devoluto alla campagna di QuiEtica, per spingere i ristoratori a fare sempre più a meno di questo esemplare a rischio.

Per ulteriori informazioni leggi l'articolo.