FoodClub | Logo

Fase2: Da Gigione guardano avanti e progettano il pic nic sostenibile

Proposta di pic nic sostenibile indirizzata alle istituzioni di Pomigliano D'Arco

Fase2: Da Gigione guardano avanti e progettano il pic nic sostenibile

PROPOSTA DI OCCUPAZIONE TEMPORANEA DI SUOLO PUBBLICO A TITOLO GRATUITO SITO NEL PARCO PUBBLICO “GIOVANNI PAOLO II” INTESA COME MISURA A SOSTEGNO DELLA NOSTRA ATTIVITÀ ECONOMICA A SEGUITO DELL’INSORGERE DELL’EPIDEMIA COVID-19.

1)Progetto “PIC NIC SOSTENIBILE”

Il progetto si pone nell’ambito delle richieste fatta alla Vs. Spett.le dalle associazioni dei commercianti (CAIP) e dalle piccole e medie imprese del settore enogastronomico e dell’ intrattenimento presenti sul nostro territorio.

L’idea è quella di richiedere l’occupazione temporanea di una zona specifica del Parco Pubblico (vd. punto 2) a titolo gratuito per sostenere l’avvio della nostra e di altre attività nella fase successiva alla “riapertura” prevista dai decreti governativi e regionali. Nell’ osservare specificamente e diligentemente tutte le regole dei protocolli igienico-sanitario, verranno a mancare punti di appoggio per gli avventori su cui consumare i pasti onde evitare gli assembramenti e seguire le giuste regole del distanziamento sociale.

Il proposito che si pone questo progetto è quello di compensare, grazie all’aiuto del Comune di Pomigliano d’Arco attraverso la Vs. Spett.le decisione, tali perdite e di sensibilizzare gli avventori e la cittadinanza al rispetto dell’area verde ma allo stesso tempo valorizzarla.

Per coinvolgere e sensibilizzare la cittadinanza all’uso civile e sostenibile dell’area, si propone di coinvolgere le scuole del territorio e altri enti nella creazione della stessa e nell’usufruirne attraverso iniziative messe a punto insieme agli assessorati competenti. Nello specifico, l’idea del “Pic Nic Sostenibile” coinvolgerebbe in primis la clientela delle attività commerciali suddette e, di conseguenza, la cittadinanza tutta. La nostra attività, da sempre, è attenta a tutte le tematiche di tipo ambientale e cerca di lavorare con il minor impatto possibile. Dal 2013 utilizza stoviglie e pack biodegradabile ed ecosostenibile per il 90% della propria gestione con l’obiettivo di arrivare al 100% entro il 2021.

L’area indicata, opportunamente attrezzata con impatto ambientale zero (vd. punto 4 ), aiuterebbe la nostra, ma anche altre attività affini e contigue, a far ripartire il comparto valorizzando spazi demaniali, a nostro parere, in disuso e con grandi potenzialità economiche e sociali. La gestione dello spazio andrebbe ripartita tra comune e attività private interessate con un preciso protocollo di responsabilità.

2)Locazione:

Lo spazio che si chiede di occupare si trova nella zona VERDE(ad ora non calpestabile) sita nel Parco Pubblico “Giovanni Paolo II”; nello specifico si tratta dell’area direttamente dietrostante alla “vetrata” che affaccia su Via Passariello.

3)Periodo di occupazione e fasce orarie richieste:

-Dal 1 giugno 2020 al 31 dicembre 2020 con possibilità di proroga;

-Fascia oraria di uso esclusivo dell’area attrezzata (per le attività che ne fanno richiesta): 13-15 e 19-24.

4)Allestimento:

L’allestimento, ove possibile di concerto con l’amministrazione comunale, verrà effettuato ad impatto ambientale 0. Verranno installate panche e tavoli in legno/pedane Epal completamente rimovibili ( vd. foto) e cestini, dello stesso materiale, per la raccolta differenziata dei rifiuti.

Le postazioni seguiranno le regole del distanziamento sociale e i protocolli igienico sanitari dettati, in modo da non creare assembramenti e/o problematiche affini.

Nell’area interessata andrebbero installate colonnine informative con affisse le norme d’utilizzo delle postazioni, integrando e/o sostituendo, solo ed esclusivamente per l’area richiesta in occupazione, le attuali vigenti nel Parco Pubblico.

Ove fosse necessario, sempre di concerto con l’amministrazione comunale, andrebbe potenziato l’impianto di illuminazione dell’area interessata in modo da garantire una migliore fruibilità dello spazio oltre che la sicurezza di chi ne usufruisce.

5) Gestione e regole di comportamento:

La gestione e le regole di comportamento andrebbero regolate di concerto con l’amministrazione comunale in fase successiva all’approvazione del progetto.

In prima analisi, si richiederebbe l’uso esclusivo delle postazioni in alcune fasce orarie sensibili con conseguente responsabilità di gestione per quanto riguarda la pulizia e l’ordine ove possibile.

6) Iniziative pubbliche a sostegno del progetto:

L’intento primario del progetto è quello di aiutare, grazie alla Vs. Spett.le decisione, la nostra ed altre attività che attraversano un grave momento di difficoltà economica a seguito dell’epidemia Covid-19.

In tale contesto, il progetto si pone un ulteriore importante obiettivo: la sensibilizzazione della cittadinanza all’utilizzo degli spazi verdi e al consumo sostenibile. A tal proposito si suggeriscono tali iniziative ( da svolgere nel pieno rispetto delle direttive sul distanziamento sociale):

- coinvolgimento delle scuole del territorio, in accordo con i vari assessorati, per dipingere le postazioni e svolgere il “Pic Nic Sostenibile” (a nostro carico ) nell’area indicata;

- organizzazione di seminari sulla sensibilizzazione al consumo e al vivere in maniera sostenibile;

- organizzazione di piccoli concerti o incontri con autori.

Gli assessorati di competenza dovranno indicare queste e/o altre attività meritevoli di integrazione.

6) Conclusione:

Il progetto, così come presentato nella forma e nelle parole, rappresenta una proposta da condividere, modificare e/o integrare dalla Vs. Spett.le e dagli assessorati di competenza, al fine del raggiungimento di uno scopo comune, cioè il SOSTEGNO alle attività enogastronomiche e di intrattenimento del nostro territorio.