FoodClub | Logo

Giuseppe Iannotti: "Invece di criticare chi sta facendo il panettone, dovreste comprarne uno. Facciamo due conti"

Giuseppe Iannotti si esprime sulla polemica innescata dal costo dei panettoni artigianali.

Giuseppe Iannotti: "Invece di criticare chi sta facendo il panettone, dovreste comprarne uno. Facciamo due conti"

Giuseppe Iannotti, chef e patron del Kresios a Telese Terme, riportando una conversazione di qualche anno fa sostenuta con la sua compianta Nonna, donna che conosceva il sacrificio, il valore del lavoro e del danaro, prova a fornire uno spunto di ragionamento, ai tanti che si stanno affannando in questi giorni a criticare il costo dei panettoni artigianali.

Un ragionamento che non fa una piega e che prova a far comprendere ai più, la sottile e sostanziale differenza tra costoso e caro.

Queste le sue parole, un ragionamento semplice ed efficace:

"Mia nonna Anna, donna che ha cresciuto 3 figli da sola, donna/uomo, ancora in molti come per mio nonno Peppe mi dicono tu sei il nipote di Nannina Matarazzo, un giorno entra nella mia enoteca, situata a Telese proprio nel periodo Natalizio, aspetta che finisca di parlare con un cliente e mi mostra un volantino della Gdo:


Nonna: “ Pe’ quando costa un panettone?”

Giuseppe Iannotti: “Nonna che devi fare, prendilo”

Nonna: “No dimmi quanto costa”

Giuseppe Iannotti: “Nonna sono di Perbellini, 35euro, é tanto?”

Nonna: “Pe guarda qua”

Giuseppe Iannotti: “Cosa nonna?”

Nonna: "Qui c’è un panettone e costa 2,90. Allora io dico, uno ha comprato lo zucchero? Ha comprato le uova? Ha comprato il burro? Ha comprato i canditi? Poi c’è un busta, una scatola, c’é il lavoro, ci sono almeno due percentuali di ricarico (da grande commerciante): uno dell’azienda e uno tuo, se non è passato da rivenditore, all’origine questo panettone quanto costa? A poi c’è il costo di pubblicità di questo volantino? Il tuo panettone non è caro é costoso, dammene due che uno me lo mangio quando finisce Natale!”

“Grazie nonna, se tutti fossero come te, avrei venduto 1000 panettoni!”

Per chi storce il naso riguardo i prezzi dei panettoni artigianali, vi descrivo quanto costa realizzare panettone di 8pus

- farina Dalla Giovanna 1,50€ al kg
- beurre de Baratte di Isigny 15,00 € al kg (burro)
- 250g di Bacche di vaniglia Tahití 250€
- uova fresche 0,50€/cad.
- zucchero 0,80€ al kg
- mora semi candita e pompelmo rosa di circa 20€/kg
- cioccolato fondente Valrhona 18€/kg

E poi tanto lavoro di gomito:

3 rinfreschi di lievito (oltre al fatto che il panettone non nasce oggi, ma nasce dal mantenere in vita dei lieviti per lui).

Almeno 4 giorni di lavoro, chiedetelo ad Eugenio Vitagliano.

E poi ci sono le prove, gli errori, i colassi quando li giri.

Invece di criticare chi sta facendo il panettone, visto che abbiamo poco altro da fare, dovreste cercare di comprarne uno. Noi stiamo facendo la colletta per provarne qualcuno (riferendosi ai "Costosi" panettoni dei suoi colleghi", non tutti, hanno la lista i miei ragazzi, é un gesto che mi ha emozionato, proposto da loro. Ah ora commentate pure il Dpcm, ci vuole la zingara per capire cosa dobbiamo fare, in piena pandemia per carità, ma di una assurdità che fa capire che nemmeno loro sanno cosa fare. Bisogna avere il coraggio di guardare in faccia alla realtà! Basta ... torno a lavorare!"

Insomma, nessuno è obbligato ad acquistare un panettone artigianale ci mancherebbe, ve ne sono così tanti a buon mercato ma, non ci venite a dire che sono cari. Sono costosi, che è un'altra cosa. Una Fiat e una Bugatti sono entrambe auto e non c'è bisogno che vi dica perché nonostante abbiamo entrambe quattro ruote, 1 motore e tutti i restanti accessori, siano così profondamente diverse e imparagonabili.

Buon panettone a tutti.