FoodClub | Logo

Il Fat Duck, il primo tristellato ad annunciare la chiusura autoimposta.

Il Fat Duck, il Tre stelle Michelin di Heston Brumenthal, chiude per interrompere i contagi nello staff.

Il Fat Duck, il primo tristellato ad annunciare la chiusura autoimposta.

Il Fat Duck, il Tre stelle Michelin di Heston Brumenthal, chiude per interrompere i contagi nello staff.

“Al Fat Duck siamo orgogliosi di offrire la migliore esperienza, ma la cosa più importante è il benessere del nostro personale e degli ospiti, che viene sempre al primo posto”

Così un portavoce del Fat Duck ha annunciato una chiusura autoimposta di due settimane dopo che diversi membri dello staff sono risultati positivi ai test Covid.

Il Fat Duck è il tre stelle Michelin di Heston Brumenthal a Bray, Berkshire; aveva riaperto il 15 agosto dopo la chiusura forzata dovuta all’emergenza covid-19 e in questi giorni si è ritrovato a spedire e-mail a coloro che avevano prenotato per annunciare la decisione di chiusura autoimposta con effetto immediato.

“Questi sono tempi senza precedenti e difficili e, da quando abbiamo riaperto il Fat Duck ad agosto, abbiamo seguito rigorosamente tutti i consigli del governo e le linee guida di sicurezza del Covid. Abbiamo monitorato continuamente la sicurezza del nostro personale e degli ospiti, abbiamo testato il nostro intero team regolarmente.

Sfortunatamente, negli ultimi giorni alcuni dipendenti hanno riscontrato positività ai test, il che li ha portati ad autoisolarsi a casa.”

Il Fat Duck ha quindi annunciato la chiusura dal 14 ottobre con la speranza che con questo provvedimento di interrompa il circuito dei contagi tra lo staff.

Brumenthal è il primo a optare per una chiusura di questo genere per un tristellato. Lo chef sperimentale, autore e presentatore televisivo, noto per piatti come il porridge di lumache e il gelato di granchio, ha aperto il ristorante nel 1995 in un'ex locanda del XVI secolo.

Stava servendo il "Volume I dell'Antologia" per celebrare il suo 25 ° anniversario. Anthology è stata pubblicizzata come una serie in quattro parti dei "piatti più famosi e fantastici" di Blumenthal con costo di £ 250-325 a testa.