FoodClub | Logo

Il pasticcere Patrice Bernadel si suicida. La pandemia lo aveva fatto sprofondare nella depressione.

Il pasticcere di Montreal Patrice Bernadel mette fine alla sua vita, morto suicida causa depressione.

Il pasticcere Patrice Bernadel si suicida. La pandemia lo aveva fatto sprofondare nella depressione.

Montreal - Il mondo culinario piange la morte di Patrice Bernadel, pasticcere di Montreal. Vlad Bernadel , ha scritto un pensiero su Facebook sulla sua morte: “Sembra che gli impatti economici, sociali e psicologici della pandemia COVID-19 abbiano destabilizzato la sua vita al punto da farlo precipitare in una profonda depressione, impedendogli di vedere la luce e la fine del tunnel ".

Il pasticcere Bernadel era noto per i suoi stravaganti amaretti, che applicava loro immagini personalizzate e volti famosi. Sui social network, lo chef mostrava regolarmente il suo lavoro.

L'attività dello chef Bernadel, Les Délices de Patrice , è stata duramente colpita durante la pandemia di coronavirus. Realizzava principalmente pasticcini per feste ed eventi speciali che ovviamente furono tutti cancellati.

Esperti canadesi spiegano che non c'è dubbio che la pandemia abbia distrutto molte vite: “Le persone hanno perso la famiglia, hanno perso soldi, hanno perso il loro status. È come una guerra e ne saremo segnati per sempre. " 

Un sondaggio ha rilevato che il 38% degli intervistati afferma che la propria salute mentale è stata colpita dalla crisi sanitaria del COVID-19, il 46% afferma di sentirsi ansioso e preoccupato, mentre il 14% ha difficoltà ad adattarsi alla situazione e il 6% aveva pensieri suicidi.

Le preoccupazioni e l'ansia della popolazione sono aumentate dall'inizio della pandemia. Le associazioni stanno registrando un aumento del numero di giovani che cercano aiuto per combattere ansia e depressione. Un fattore di stress aggravante: tornare dalle loro famiglie durante la pandemia: “Questo è qualcosa che non abbiamo mai visto prima - diverse generazioni vivono insieme tutto il tempo. Molto spesso con pochissimo spazio. È una situazione molto difficile ", spiega lo studio .

La speranza è che tutti possano vedere la luce in fondo al tunnel, ma non riusciamo ad essere ottimisti, probabilmente i danni collaterali della pandemia, mieteranno nel tempo più vittime che il virus stesso.