FoodClub | Logo

Il video francese fa infuriare l'associazione della pizza: "Denuncia e indennizzo di 2 milioni"

L'AVPN reagisce con una querela presentata alla procura di Napoli: "Non bastano delle semplici scuse"

Il video francese fa infuriare l'associazione della pizza: "Denuncia e indennizzo di 2 milioni"

L'AVPN reagisce con una querela presentata alla procura di Napoli: "Non bastano delle semplici scuse"

Il video incriminato, cioè lo spot della storica trasmissione satirica francese di Canal Plus “Groland Le Zapoi“, mostra un pizzaiolo quantomeno trasandato, tossire  (eufemismo) su una margherita. E davvero è uno spettacolo mortificante.
Così non è bastata la “pizza della pace” che si è tenuta nella pizzeria Sorbillo a Roma il 4 marzo tra il ministro degli esteri di Maio e l’ambasciatore francese Christian Masset: i pizzaioli non sono comunque soddisfatti e chiedono giustizia.

E mentre ieri è stata annunciata una “class action”, con annessa richiesta di scuse pubbliche e danni alla tv francese per il video (nel frattempo rimosso dal canale), dall'associazione napoletana "Noiconsumatori", presieduta dall'avvocato Angelo Pisani e il presidente di FareAmbiente Campania, Francesco Della Corte, oggi arriva anche la notizia della denuncia con una richiesta di danni di 2 milioni di euro da parte dell’Associazione Verace pizza napoletana.
"Non basta rifugiarsi dietro le scuse, non è sufficiente dire 'ci siamo sbagliati'" afferma il direttore marketing dell'Associazione Gianluca Liccardo. "Abbiamo presentato la querela alla procura del tribunale di Napoli - conferma il presidente Antonio Pace - e chiesto un indennizzo con l'obiettivo di creare un fondo di solidarietà per aiutare tutti i pizzaioli che proprio a causa dell'allarme Covid-19 si trovano in difficoltà".

Chissà con quale dita della mano risponderanno i francesi a questa richiesta di risarcimento milionaria dopo che, alcuni pizzaiuoli, presi eccessivamente dall'entusiasmo e caricati dall'energia rivoluzionaria del "sacrificio", hanno risposto al video di Canalplus postando sui loro profili social un immagine della Cattedrale di Notre-dame in fiamme da utilizzare come forno per le pizze Napoletane.

Come dite?

Il medio? suvvia, non siate malpensanti. Ma ci faccia il piacere...