FoodClub | Logo

La categoria degli chef è disunita: in Francia si continua a lottare per un fronte unico

Un articolo di Le Monde manifesta le diversità e la disunione dell'intera categoria degli chef

La categoria degli chef è disunita: in Francia si continua a lottare per un fronte unico

Un articolo pubblicato il 20 maggio sul quotidiano francese Le Monde manifesta che l'intera categoria di chef e ristoratori non parla con la stessa voce, inoltre, non lo ha mai fatto nella sua storia, solo Paul Bocuse poteva gestire le disparità di opinione su alcuni argomenti.

Tutti diversi, tutti affrontano problemi distanti, che si tratti di uno in un'area urbana o nel cuore della campagna francese, uno che è a Marsiglia o uno che è a Parigi, uno che ha le stelle o uno che non le ha, uno che è in grado di servire 30 coperti al giorno e uno che ne serve 800. Ogni stabilimento ha la sua storia, ogni cucina ha un'identità. 

E poi ci sono gli headliner, le grandi star, i piccoli e i grandi esperti, gli influenti e gli uomini d'affari, ma anche i gruppi alberghieri, i gruppi di catering, i sindacati professionali. Sembra quasi impossibile avere un fronte comune. Non proprio, ma le opinioni divergono profondamente, quindi si svolge il dibattito che apre una breccia nelle affermazioni contro un governo che osserva, consulta e conta i punti prima di decidere.

"Mentre per il momento i ristoranti devono tenere le porte chiuse a causa della pandemia, alcuni, come Alain Ducasse, vogliono che i loro stabilimenti accolgano di nuovo i clienti il più rapidamente possibile, altri come Pierre Gagnaire, stanno rimandando . In ogni caso, dietro i fornelli, gli spiriti si stanno scaldando"

Qui l'articolo completo di Le Monde.