FoodClub | Logo

La Guida Michelin lancia l'operazione "Le Bon Menu": Un menu speciale e a prezzo equo.

La Guida Michelin lancia l'operazione "Le Bon Menu"

La Guida Michelin lancia l'operazione "Le Bon Menu": Un menu speciale e a prezzo equo.

"THE GOOD MENU": UN MENU AL GIUSTO PREZZO A BENEFICIO DI PRODUTTORI E OPERATORI

Gwendal Poullennec lo ha ripetuto più volte, la Guida Michelin è e sarà sempre al fianco degli chef e ristoratori per rilanciare il settore gastronomico. Per lui il recupero è possibile facendo desiderare ai francesi di tornare al ristorante. Come? "O" Cosa? I ristoratori che volontariamente parteciperanno a questa operazione di solidarietà "Bon Menu" creeranno un menu speciale "che riflette la creatività, il talento dei loro team e il loro impegno con i produttori locali per una gastronomia sostenibile. "Le bon menu" sarà offerto a un prezzo equo e remunerativo per tutti gli attori del settore.  

Questo il comunicato stampa della Michelin per lanciare "Le Bon Menu"

LA GUIDA MICHELIN LANCIA "LE BON MENU" PER SUPPORTARE I RISTORATORI FRANCESI

La Guida MICHELIN , in collaborazione con diversi ristoranti della sua selezione del 2020, lancia l'operazione "Le Bon Menu ". L'obiettivo: sostenere il settore gastronomico nel prossimo periodo di ripresa.

Quasi 3 mesi dopo le chiusure decise dalle autorità per combattere la crisi di Covid-19, i ristoratori francesi possono riprendere gradualmente la loro attività. Durante il periodo di confinamento, molti chef hanno mostrato creatività ed esemplare sviluppando generose iniziative. Per perpetuare questo spirito e sostenere la ripresa economica, la Guida MICHELIN e gli chef volontari hanno immaginato un'operazione originale, attraente e unita chiamata "Bon Menu".

I ristoratori che partecipano al "Bon Menu" si impegnano a offrire ai loro clienti un menu speciale, che rifletta la creatività della loro ristorante, il talento dei loro team e il loro impegno con i produttori locali per una gastronomia sostenibile. Il "Bon Menu" sarà offerto a un prezzo equo e remunerativo per tutti gli attori del settore.

Basato su partecipazione volontaria e co-costruzione con la professione, questo "Bon Menu offre quindi un quadro in cui i ristoratori sono completamente liberi di evolversi, esprimersi e divertirsi, sia la composizione del menu, la scelta dei produttori o l'impostazione dei prezzi. Questa operazione, in solidarietà con la comunità di chef e che incarna le convinzioni della Guida MICHELIN, ha la semplice ambizione di mettere in evidenza ciò che i ristoratori possono offrire il meglio ai propri clienti e di costituire un invito per i gastronomi a scoprire o riscoprire i ristoranti che li circondano, qualunque sia lo stile della cucina e la categoria di prezzo.

“Con 'Le BON Menu', la Guida Michelin supporta la professione nella ripresa dell'attività e l'intero settore, dal campo alla lastra, nella sua ricostruzione, senza sacrificare le attuali problematiche ambientali. "The GOOD Menu" mira quindi a conciliare imperativi economici, esigenze di sostenibilità, piacere culinario e naturalmente solidarietà con coloro che hanno continuato a combattere durante i due mesi di confinamento ", spiega Gwendal Poullennec, direttore della Guida MICHELIN.

Un'operazione di solidarietà

Inoltre, consapevoli dell'eccezionale mobilitazione dei professionisti della salute, i ristoratori che partecipano all'operazione hanno voluto mostrare la loro solidarietà e mostrare la loro gratitudine a questi eroi di tutti i giorni. Quando viene effettuata una prenotazione per un "Bon Menu" sul sito della Guida MICHELIN, i clienti e gli chef fanno un gesto unito. Infatti, il 10% dell'importo di questo menu sarà utilizzato dai ristoratori per offrire, con un'associazione dedicata alla solidarietà con i caregiver, tavoli per 2 persone nei loro stabilimenti. I clienti hanno anche la possibilità di offrire direttamente un "Bon Menu" ai caregiver tramite il sito della Guida MICHELIN effettuando una donazione al ristorante partner di loro scelta.

Questa operazione sarà ampiamente evidenziata sui social network della Guida MICHELIN (Instagram @michelinguide , Facebook e Twitter thread @GuideMICHELINFR ). Su Instagram verrà inoltre allestita una “Sfida di 30 giorni”: verrà posta una domanda al giorno per 30 giorni su prodotti, stagionalità, trasporto, al fine di sensibilizzare il pubblico della Guida sui problemi del settore gastronomico. Chef e clienti saranno infine incoraggiati a condividere le loro esperienze utilizzando l'hashtag #LeBonMenu.

Michel Chabran nella Drôme offre un menu a 79 euro  - Chiberta di Guy Savoy a Parigi offre un  menu a 90 euro  -  Fanny Rey a Saint-Rémy-de-Provence offre un menu a 110 euro  . Altri ristoratori partecipanti e i loro menu su  guide.michelin.com