FoodClub | Logo

La quarantena ha salvato gli Hot Dog

Il mercato degli hot dog non ha subito alcun calo durante il periodo di pandemia.

La quarantena ha salvato gli Hot Dog

Nel 1867 Charles Feltman, un immigrato tedesco, aprì il primo stand di hot dog a Coney Island. Chiamò il suo tipico wurstel la Coney Island Red Hot, e fu servito con senape, crauti e cipolle crude a dadini. Presto, i punti di Feltman divennero di gran moda. Il presidente William Howard Taft ne provò uno. Si dice che Al Capone ne abbia divorato uno ogni notte da adolescente prima del suo turno in un nightclub del posto.

Gli hot dog di Feltman erano originariamente realizzati vicino al Navy Yard e venduti da un carrello per torte. Nel 1871, un enorme punto fu aperto a Coney Island. Occupava due isolati e poteva servire 10.000 commensali contemporaneamente. Non passò molto tempo prima che altre compagnie entrassero in competizione. Un giovane di nome Nathan Handwerker lavorò per il signor Feltman nel 1915. L'anno successivo aprì il suo negozio, Nathan Famous , in fondo alla strada, dove vendeva i suoi hot dog per un nichel in meno.

Alla fine Nathan divenne il marchio dominante sul lungomare e noto a livello globale per il suo concorso annuale di hot dog che si tiene il 4 luglio. Feltman ha cessato l'attività nel 1954, otto anni dopo che i figli di Charles Feltman, che avevano 70 anni, si ritirarono e vendettero ad un proprietario alberghiero.

Ma cinque anni fa, Feltman di Coney Island tornò, con due fratelli, ancora una volta, al timone. Michael e Joe Quinn fanno affidamento sui loro talenti e competenze complementari per gestire l'azienda: Michael è un appassionato di storia di Coney Island e Joe, che ha prestato servizio in Iraq e Afghanistan, ha l'approccio commerciale di uno stratega militare. (Ad esempio, Joe si è concentrato sul blocco della catena di approvvigionamento di Feltman a gennaio, quando ha saputo per la prima volta dell'epidemia). I due fratelli hanno avuto anche un ottimo tempismo: la gente non ha abbandonato la sua voglia di hot dog e continua ad acquistarne. Da marzo di quest'anno, l'azienda ha registrato un aumento del 100 % delle vendite dai supermercati e un aumento del 200 % degli ordini online.

"Di solito il picco delle vendite è a partire dal weekend del 4 luglio", ha detto Joe. "Finora è come marzo e aprile si fossero trasformati in luglio". Vendite simili sono state riportate anche per maggio. Anche altri marchi di hot dog associati a Brooklyn stanno vedendo aumentare gli affari. Le vendite di Nathan sono aumentate di oltre il 50 percento. La Brooklyn Hot Dog Company , una start-up a East Williamsburg che produce hot dog aromatizzati (come il pollo Buffalo), ha visto crescere i suoi affari online del 300 %, secondo la compagnia.

L'epidemia di Coronavirus non è la prima crisi di New York che i fratelli hanno attraversato. L'11 settembre, hanno perso il loro fratello Jimmy, che all'epoca aveva 23 anni e un impiegato del Cantor Fitzgerald, situato presso il One World Trade Center. Jimmy aveva sempre desiderato che il trio avviasse un'azienda di famiglia, continuando a parlarne bevendo birra al McSorley's, il bar dell'East Village dove i tre erano clienti abituali. Una delle tante idee lanciate è stata quella di riportare indietro Feltman. Avevano buone ragioni. Apparentemente il nonno era in possesso della ricetta originale dell'hot dog di Feltman; gli era stato regalato da un amico che aveva lavorato per la compagnia durante i suoi giorni al Brooklyn Navy Yard, secondo i fratelli. Nel 1992, il nonno condivideva la ricetta con Michael, sapendo che se ne sarebbe liberato.

Ma ci sarebbero voluti anni prima che la ricetta dell'hot dog si sviluppasse in modo così evidente nel futuro dei fratelli Quinn. Dopo che Joe tornò da 12 anni di servizio militare nel 2011, il duo finalmente decise di riportare Feltman. Nel 2015, hanno reintrodotto il marchio con dei pop-up store in tutta la città. È stato un inizio lento. "Una sera abbiamo venduto solo sei hot dog", ha detto Michael. Ma gli affari iniziarono ad ingranare quando si assicurarono una finestra da asporto su St. Marks Place nell'East Village di Manhattan, e soprattutto dopo aver aperto un chiosco nella casa natale dell'hot dog del Feltman, Coney Island. Nel 2018, i fratelli hanno iniziato a produrre in serie i loro hot dog in un impianto di co-imballaggio a Troy, New York.

Feltman's ora ha sei persone nella sua squadra. Guidati dall'abitudine militare di Joe di prepararsi in anticipo, i dipendenti hanno iniziato a pianificare e prevedere una possibile pandemia alla fine di gennaio. Hanno ipotizzato che man mano che gli stadi di baseball e i parchi di divertimento fossero chiusi e che i picnic fossero vietati, le vendite di hot dog sarebbero diminuite in tutto il paese. Ma l'altro scenario che hanno preso in considerazione è stato che quando gli americani si sarebbero riforniti di cibo, un prodotto che era facile da realizzare e che poteva essere conservato fino a 10 mesi in un congelatore sarebbe stata una scelta logica da accumulare.

Joe ha ricordato di aver sentito al telegiornale che alcuni negozi di alimentari all'inizio della quarantena stavano limitando i pacchetti di hot dog a cinque per cliente. "Penseresti che sarebbe un aspetto negativo, ma eravamo tipo, 'OK, ognuno può avere cinque pacchetti. È molto per noi". La domanda in alcuni negozi è aumentata. Diane Cleven, la direttrice della gastronomia di Fresh Market, una catena alimentare nazionale, ha dichiarato di aver visto aumentare le vendite di hot dog di oltre il 50 percento. A marzo ha chiesto a Feltman's di inviare più prodotti.

Prima dell'epidemia, la compagnia riceveva un ordine, produceva gli hot dog e poi li spediva. Ora produce hot dog ogni giorno. "Abbiamo aumentato la produzione del 60% a marzo e di nuovo del 170% ad aprile", ha dichiarato Joe. Finora, ha continuato, i livelli di maggio saranno simili a quelli di aprile.

Anche Nathan ha aumentato la produzione. Sebbene la Smithfield Foods, proprietaria di Nathan, abbia dovuto chiudere le piante di carne a causa dei risultati positivi dei test per Covid-19, un portavoce della compagnia ha dichiarato che le chiusure non hanno "subito un forte impatto". (Gli hot dog di Nathan, come quelli di Feltman, sono fatti con carne di manzo, non di maiale.)

All'inizio di marzo, la squadra di Feltman ha parlato con gli allevatori di tutto il paese su ciò che sarebbe potuto accadere al mercato delle carni bovine. Decisero di effettuare acquisti all'ingrosso di carne bovina per proteggersi dalle chiusure e a metà aprile avevano aumentato il loro inventario di 10 volte l'importo che acquistavano abitualmente e di congelarlo in celle frigorifere di recente locazione in tutta l'area di New York.

Joe continua a mappare i piani di emergenza. "Ogni giorno stiamo attraversando diversi scenari. Quali sono le regole e i regolamenti che potrebbero cambiare a livello di supermercato? Cosa succede se i conducenti si ammalano?"

E poi c'è la domanda da un milione di dollari che Joe non riesce a smettere di porsi: "Non avremo un'estate?" La sua risposta, per ora: "Non sappiamo nemmeno se luglio sarà come luglio".