FoodClub | Logo

L'APN lancia la campagna di sensibilizzazione "Pizza a casa, piacere a domicilio"

APN di Sergio Miccù: Chiamare la pizza a casa per aiutare le pizzerie in crisi

L'APN lancia la campagna di sensibilizzazione "Pizza a casa, piacere a domicilio"

Il Presidente dell'Associazione PizzaiUoli Napoletani, Sergio Miccù, annuncia la nuova campagna per 'chiamare la Pizza a casa ed in ufficio' ed aiutare le pizzerie ad affrontare la crisi

Napoli, 7 novembre 2020 - Per rispondere alla crisi determinata dalla nuova ondata di contagi da Covid, l'Associazione dei PizzaiUoli Napoletani, guidata da Sergio Miccù, lancia un appello per sostenere la categoria e il comparto.

Per reagire a questa fase difficile l'Associazione PizzaiUoli Napoletani promuove la campagna denominata “Pizza a casa, piacere a domicilio”.

“Dobbiamo tornare - spiega Miccù - a chiamare la pizza a domicilio, a casa o in ufficio, tornando alle abitudini di una volta e facendolo soprattutto a pranzo, viste le restrizioni imposte dal Governo per fronteggiare l'emergenza sanitaria.

L'asporto può rappresentare un grande volano per reagire e fronteggiare questo momento così difficile. Come Associazione PizzaiUoli Napoletani abbiamo studiato una specifica campagna di comunicazione e sensibilizzazione per sostenere gli operatori ed il comparto che da sempre sono elementi trainanti dell'economia napoletana e campana. Viste le recenti disposizioni le pizzerie restano aperte fino alle ore 18 mentre le consegne a domicilio sono sempre consentite. Per questo occorre riscoprire la vecchia abitudine di chiamare la pizza a domicilio, facendolo anche per pranzo e naturalmente per cena, sicuri che in questo modo aiuteremo il nostro settore che è strategico per il territorio.

La Pizza ha sempre dimostrato di saper affrontare e superare le crisi più gravi, sia quelle sanitarie sia socio-economiche (ad esempio: le guerre, l'epidemia di colera e di febbre spagnola). Anche stavolta ne siamo certi sarà grazie alla Pizza che potremo ripartire. Per farlo chiediamo a tutti di ordinare una Pizza a domicilio, così da sostenere concretamente il settore e le attività”.