FoodClub | Logo

Lo chef Dani Garcia sfida la pandemia e inizia la sua avventura in America.

Lo chef di Marbella aprirà dei ristoranti fuori dalla Spagna: New York, Miami e poi Parigi.

Lo chef Dani Garcia sfida la pandemia e inizia la sua avventura in America.

Lo chef spagnolo Dani Garcia, con sede a Marbella, ha annunciato l'anno scorso, pochi mesi dopo aver ottenuto 3 stelle nella guida Michelin, che il suo obiettivo era stato raggiunto, stava chiudendo il suo ristorante. Questa settimana ha presentato i suoi nuovi progetti, su cui aveva riflettuto per diversi mesi. Anche se New York sta attraversando una crisi di pandemia ed economica senza precedenti e molti ristoranti non riapriranno, lo chef spagnolo ha dichiarato di essere pronto ad aprire presto il suo primo stabilimento fuori dalla Spagna, a partire da New York.

Lo chef ha dichiarato sul suo profilo Instagram:“Felice, molto felice di rivelare il nuovo progetto internazionale che stiamo portando avanti con il nostro partner Sam Nazarian e il suo incredibile team al C3, una piattaforma gastronomica rivoluzionaria a New York, in collaborazione con SBE + SIMON + ACCOR . Pronto a sbarcare con nuovi marchi e concetti rivoluzionari. Prime destinazioni: New York, Miami e Parigi. Balliamo adesso!!"

Lo chef dovrebbe aprire due nuove attività quest'anno a New York, prima un'offerta mediterranea con il marchio Casa Dani e un'offerta fast food con il marchio Minük. I due stabilimenti apriranno normalmente le loro porte alla fine dell'anno nel cuore della nuova Food Court CITIZENS, una sala gastronomica di oltre 3.700 m2 creata da David Rockwell

Lo chef spagnolo non lo nasconde, vuole sviluppare i suoi marchi quasi ovunque nel mondo, in particolare gli Stati Uniti per iniziare, ma anche in Europa poiché Parigi è nel mirino. Niente meno di quindici ristoranti Casa Dani e cento Minük nei prossimi 5 anni.

Sam Nazarian è il partner finanziario dello chef Dani Garcia, è all'interno del suo gruppo SBE e della C3 Creazione di comunità culinarie che guiderà lo sviluppo dei marchi dello chef.