FoodClub | Logo

Lo chef Didier de Courten getta la spugna. Chiude il suo ristorante e rinuncia alle stelle.

A 52 anni, lo chef svizzero rinuncia alle stelle, chiudendo il suo ristorante omonimo.

Lo chef Didier de Courten getta la spugna. Chiude il suo ristorante e rinuncia alle stelle.

Didier de Courten chiuderà il suo ristorante gourmet a Sierre prima delle celebrazioni di fine anno. L'uomo che ha ricevuto due stelle Michelin e 19 punti su 20 a sulla guida Gault Millau, dopo la crisi da Coronavirus che ha costretto il ristorante alla chiusura per due mesi, che lo ha spinto verso questa decisione.

Lo chef ha deciso di abbandonare la ricerca delle stelle "per dare alla luce nuove stelle agli occhi dei nostri clienti". Ognuna delle distinzioni ricevute "ci ha dato una felicità intensa", ma "oggi, il desiderio di mantenere questa posizione elevata si è rivelato essere un ostacolo piuttosto che un motore."

"Questo ristorante nel cuore del Vallese, in una piccola città come Sierre, è una Ferrari con cui devi guidare su un sentiero di montagna", afferma Didier de Courten. Il cuoco ha quindi deciso di concentrarsi sulla brasserie L'atelier gourmand (valutato 15 su 20), l'enoteca l'Ampelos e l'hotel Le Terminus che aprirà a gennaio 2021 sotto una nuova luce. "Voglio continuare questa professione, ma essendo felice" , sottolinea ancora Didier de Courten.