FoodClub | Logo

Lo chef parigino Taku Sekine si è suicidato: Secondo la moglie sarebbe vittima di una persecuzione giornalistica

Chef del ristorante Dersou, Taku Sekine ha concluso la sua vita

Lo chef parigino Taku Sekine si è suicidato: Secondo la moglie sarebbe vittima di una persecuzione giornalistica

Una figura in ascesa nella gastronomia parigina ha messo fine alla sua vita. Taku Sekine, 39 anni, chef del ristorante Dersou, si è suicidato, ad annunciarlo è la sua compagna.

In un messaggio postato su Instagram, la moglie di Taku ha dichiarato "ha concluso i suoi giorni trascinato da una grave depressione a seguito del suo pubblico coinvolgimento " in uno scandalo di di violenza sessuale in cucina.

"Le condizioni della morte di Taku Sekine non sono né naturali né accidentali. Taku Sekine ha messo fine alla sua vita, travolto da una grave depressione a seguito del suo coinvolgimento pubblico - sui social network e su un sito specializzato -, con una ricorrenza che assomigliava ad una persecuzione. Certi attori, in particolare della stampa, consapevolmente, in poche settimane e in totale assenza di fatti, hanno rovinato la reputazione di Taku SEKINE.

Queste persone malintenzionate, violando ogni etica e ogni regola di rispetto per la presunzione di innocenza, hanno diffuso falsi pettegolezzi sui social network e organizzato una brutale campagna per distruggere la rete di Taku SEKINE, invitando ogni attore del panorama gastronomico a diffondere calunnie e avvertirli di non lavorare con lui. Certo, non hanno mai osato contattarlo direttamente ", ha detto la moglie dello chef sul suo account Instagram. 

Il tutto è nato da un sondaggio online pubblicato in estate

Ad agosto, la rivista gastronomica online Atabula ha pubblicato un importante sondaggio riguardo le violenze sessuali in cucina. Il nome dello chef non è stato menzionato lì, poiché nessuno degli intervistati ha presentato una denuncia. Poche settimane dopo, di fronte alle speculazioni, il quotidiano ha deciso di svelare l'identità dello chef, con la seguente spiegazione:"Qualche settimana fa abbiamo pubblicato un sondaggio sulla violenza sessuale in cucina, e che molti nomi sono stati citati durante le molteplici interviste condotte. Solo un nome continuava a tornare, con fatti precisi e gravi. Questo nome non è venuto dal nulla, è stato il risultato di un lavoro giornalistico, con fonti incrociate. Forse avremmo dovuto pubblicare il suo nome in quel momento. Ma non è stata una mia scelta, speravo forse che altri se ne sarebbero occupati e, soprattutto, avrebbe spinto le vittime a sporgere denuncia, atto tanto difficile quanto benefico ”.

Nato in Giappone, Taku Sekine si era formato in cucina insieme ad Alain Ducasse e Hélène Darroze, prima di aprire Dersou, un micro-ristorante eletto Best Fooding Table nel 2016. Tre anni dopo ha inaugurato Cheval d'Or, mensa chic franco-asiatica del XIX secolo, ha ricevuto il Fooding of Honor 2020. Questo sito gli ha dato "l'opportunità di ampliare la [sua] tavolozza creativa e di affrontare altre sfide culinarie", ha affermato. in un'intervista a GQ , che si è classificata tra le 25 persone più influenti della gastronomia.