FoodClub | Logo

Louis Vuitton ha aperto il suo primo ristorante a Osaka

Nella sua futuristica maison di Osaka, Louis Vuitton lancia un ristorante di debutto elegante e seducente

Louis Vuitton ha aperto il suo primo ristorante a Osaka

Nella sua futuristica maison di Osaka, Louis Vuitton lancia un ristorante di debutto elegante e seducente. Ecco la testimonianza di Danielle Dematriou di cntraveler.com:

"Sono le 20:30 di un martedì nella terza città ossessionata dal cibo giapponese e io sono fuori da un negozio vuoto di Louis Vuitton, facendo un gesto a una guardia di sicurezza all'interno per farmi entrare. Prima di tutto, scuote la testa e incrocia le braccia. Quindi il suo viso si ammorbidisce in un ah rivelatore ! Sussurra nell'auricolare, esce dalla porta per guidarmi dietro l'angolo e batte la sua mano guantata di bianco su un semplice ingresso metallico. "Quarto piano, per favore", sono le sue uniche parole prima di sparire.

È un'introduzione opportunamente discreta all'ultima e più esclusiva impresa della maison francese: il primo ristorante e caffè di Louis Vuitton, situato all'interno della Maison Osaka Midosuji, appena aperta , la fluttuante ammiraglia di Osaka a forma di vela. Entro nell'ormai vuoto Le Café V (gli acquirenti diurni mettono il loro nome in basso e aspetto una chiamata per la possibilità di provare gli hamburger di Wagyu già lodati all'ora di pranzo) ma vengo immediatamente portato attraverso lo spazio a un'installazione a parete di bagagli Vuitton accatastati, che si apre per rivelare il ristorante Sugalabo V. Entrare è un po 'come salire in una valigia Vuitton: Lo spazio intimo è rivestito in legno scuro, con pavimenti trompe l'oeil a motivi in ​​mattoni; esplosioni colorate di sedie gialle, blu, rosse e arancioni; e opere d'arte di titani come James Turrell e Tracey Emin.

Sebbene Osaka riceva meno attenzione della sua grande sorella glam Tokyo , ha avuto un momento, grazie a una scena culinaria in cui il cibo di strada è notevole come l'abbondante cucina raffinata con stelle Michelin. La città è anche una delle principali porte commerciali per l'Asia e una mecca per gli acquirenti di grandi spese, molti dei quali fanno da battistrada istantaneo per l'ampio viale Midosuji, il cui flagship store è stato aperto alla fine di gennaio, rendendolo un luogo ideale per questo apertura sorprendente.

Lo chef Yosuke Suga, un ex protetto di Joël Robuchon il cui ristorante Sugalabo di Tokyo è incredibilmente difficile da raggiungere (e trovare), è responsabile del menu e della configurazione. È noto per i piatti che conferiscono un tocco giapponese ai sapori europei, distribuiti in una cucina a pianta aperta da uno staff vestito con abiti Louis Vuitton personalizzati. Sono seduto al bancone, accanto a una coppia di Macao che sembra essere l'uno nell'altro come il cibo. Le bacchette d'argento LV e i porta-pisolini raffiguranti la mascotte con la faccia da fiore della casa Vivienne mantengono il marchio davanti e al centro. I punti salienti includono scaglie di prosciutto di Parma adagiate su cumuli di riso simili a sushi, che i commensali sono invitati a mangiare con le mani. A un certo punto uno chef apre cerimoniosamente un tronco di fiori monogramma, rivelando tartufi neri. L'aragosta viene servita come curry dolce con cavolfiore di Osaka tostato lentamente e citronella.

Arriva una teglia di piccole madeleine e tisane e l'esperienza del ristorante si trasforma in una sorta di festa privata mentre gli ospiti si alzano e si mescolano. La folla include alcuni dei fan di Suga di Tokyo (si riferisce a loro come membri) e il più stimato dei clienti globali di Louis Vuitton (ci sono sussurri che uno dei primi visitatori fosse il guru dello Champagne Olivier Krug). È questo accesso, dall'altra parte di una porta segreta in una strada fiancheggiata da ammiraglie della moda, che rende questo ristorante uno dei biglietti più ambiti al mondo, se riesci a convincere la sicurezza a farti entrare".