FoodClub | Logo

"Miracolo Madrid": Bar e ristoranti pieni e numero di contagiati in calo deciso. Cosa sta succedendo nell'ex epicentro di coronavirus?

Gli esperti sono divisi sul "Miracolo Madrid", da epicentro di coronavirus a città libera

"Miracolo Madrid": Bar e ristoranti pieni e numero di contagiati in calo deciso. Cosa sta succedendo nell'ex epicentro di coronavirus?

Madrid - Numeri di contagiati in calo deciso nonostante le tanto criminalizzate attività ristorative siano aperte fino a mezzanotte. Cosa sta succedendo nell'ex epicentro di Coronavirus in Spagna? Gli esperti non riescono a dare una spiegazione precisa, la risposta potrebbe essere nei 5 milioni di test antigene effettuati

A fine settembre, quando l'emergenza da Coronavirus nelle altre capitali europee era "gestibile", Madrid con 813 contagiati ogni 100.000 abitanti viveva una fase drammatica, numeri che in appena 14 giorni sono calati drasticamente, l'incidenza attualmente per 100.000 abitanti è a 152. I parchi sono pieni di sportivi intenti a fare jogging, le terrazze di bar e ristoranti sono piene e per poter avere una seduta spesso tocca aspettare. Com'è possibile se nel resto d'Europa le prime attività ad essere colpevolizzate sono quelle ristorative? Non nella capitale spagnola dove, nonostante l'emergenza di qualche settimana fa, è possibile cenare fino a mezzanotte. Un miglioramento così rapido della situazione come a Madrid non è stato registrato da nessuna parte.

" El Mundo " e gli altri media spagnoli parlano del "Milagro" di Madrid. Gli esperti sono perplessi e ritengono che sia troppo presto per trarre conclusioni ma concordano che potrebbe esserci una ragione principale del successo: il test dell'antigene.

A fine settembre Madrid ha acquistato cinque milioni di test antigene utilizzati attaccando le aree con maggiori problematiche. "È stata la decisione giusta. Rende più facile, più economico e più veloce diagnosticare i casi contagiosi. In questo modo è possibile isolare prima le persone infette", spiega Miguel Ángel Royo, portavoce dell'Associazione spagnola di epidemiologi. I test dell'antigene sono meno sensibili dei test PCR. "Ma pochissimi casi positivi passano inosservati", dice Ojeda. Nelle altre regioni spagnole, nonostante le restrizioni più severe non riescono a controllare il virus così come pare stia avvenendo a Madrid.

In Catalonia c'è scetticismo

"Mettiamo in dubbio l'ottimismo a Madrid. È chiaro che c'è un blackout di informazioni lì", ha detto il ministro della Sanità regionale Marc Ramentol. Nella regione catalana bar, ristoranti, cinema e teatri sono chiusi dal 16 ottobre e vi rimarranno fino al 23 novembre. Secondo Ramentol i numeri sarebbero abbelliti dal governo conservatore regionale di Madrid, ma gli esperti lo smentiscono in quanto non si può ignorare la situazione ospedali. "Il minor numero di ricoveri per i pazienti con Covid-19 è una realtà", afferma Saúl Ares, capo della biotecnologia nel Consiglio supremo per la ricerca scientifica (CSIC). A inizio di ottobre il numero di ricoveri a Madrid era ben oltre le 2500 persone al giorno, giovedì ne sono stati segnalati solo 238, un calo drastico.

Che il test antigene diffuso su larga scala sia la soluzione ai lockdown generalizzati per isolare e contenere il contagio? O forse l'emergenza delle scorse settimane ha portato Madrid a raggiungere una quasi immunità di gregge? Chissà, al momento si godono parchi, aria aperta e ristoranti.