FoodClub | Logo

Renè Redzepi: "Nel 2010 non eravamo il miglior ristorante al mondo, El Bulli era molto meglio di noi"

Renè Redzepi: "Nel 2010 non eravamo il miglior ristorante al mondo, El Bulli era molto meglio di noi"

Renè Redzepi: "Nel 2010 non eravamo il miglior ristorante al mondo, El Bulli era molto meglio di noi"

Un'intervista a tutto tondo quella rilasciata da Renè Redzepi patron e chef del Noma 2.0 al quotidiano "LaVanguardia". Dal rapporto con il proprio team ai grandi cuochi che hanno cambiato e stanno cambiando la cucina internazionale, molti gli spunti d'interesse da cui far partire una riflessione.

Un Renè maturo che guarda al passato con consapevolezza senza alcun sentimento nostalgico, non si sente arrivato e non manca di criticare il nuovo sistema della World's 50 best: "Devo essere molto onesto: non sono d'accordo con quella nuova categoria che hanno chiamato the best of the best che impedisce di ripetersi come numero uno. La Champions League senza Real Madrid e Barça non è la Champions League."

Ecco uno stralcio dell'intervista, che vi consiglio di leggere per intero:

Come ti ha influenzato detronizzare El Bulli, nel 2010, quando Noma è diventato il numero uno al mondo?
Non è così che lo vedo. Onestamente, non credo nell'idea di un ristorante migliore al mondo. Posso capire che ci sono ristoranti che hanno fattori che focalizzano l'attenzione su di loro. Le liste hanno cambiato completamente tutto per la Spagna e per la Scandinavia, è qualcosa di incredibile e ha cambiato la mia vita.
- Ma vi ha fatto anche del male?
Sì certo Indipendentemente dal fatto che al tuo lavoro piaccia o no, ti muovi con l'incentivo a rendere felici i commensali. E si scopre che quando entrano nel ristorante si aspettano che sia il miglior ristorante del mondo e pensano: "Tutto ciò che ho provato fino ad oggi non sarà nulla rispetto a quello che sto per provare ora". E nel 2010 non eravamo il miglior ristorante del mondo: il Bulli era molto meglio di noi. L'ho chiarito, ma avevamo un'energia speciale e le persone erano preparate per un cambiamento. È stato molto stressante: i social network sono esplosi, sei andato su Twitter e hai letto: "Sono andato a Noma, che tipo di scherzo è questo?" Gran parte del settore ci ha amato, hanno adorato vedere quell'energia rinnovata, ma molti clienti non erano d'accordo. Questo è cambiato negli ultimi cinque o sette anni.