FoodClub | Logo

Rimosso dalla Guida Michelin per razzismo: Accade in Germania

Ristorante tedesco rimosso dalla Guida Michelin per aver comunicato di volere clienti cinesi

Rimosso dalla Guida Michelin per razzismo: Accade in Germania

Un ristorante tedesco è stato rimosso dalla Guida Michelin dopo che il suo chef ha dichiarato di non voler accogliere clienti cinesi. Un commento che ha attirato le ire del popolo asiatico, che ha riportato la notizia su tutti i media, e si è lamentato con la Guida per l'incidente avvenuto.

Lo chef e proprietario del ristorante di fascia alta Im Schiffchen di Düsseldorf ha recentemente rilasciato dei commenti impropri su Facebook quando ha annunciato la riapertura del suo ristorante dopo il blocco dovuto alla pandemia di COVID-19. "Iniziamo venerdì, ma solo con il nostro bistrot. Nessun cinese ammesso !!!" ha scritto lo chef Jean-Claude Bourgueil.

Il Global Times ha scoperto che i post segnalati non erano più disponibili sull'account Facebook dello chef già da domenica, ma hanno comunque indignato i cinesi residenti in Germania che hanno espresso la loro condanna per l'osservazione razzista, fino a chiedere, in molti, il boicottaggio del ristorante. Tornato sui suoi passi, lo chef ha rilasciato successivamente una dichiarazione, scusandosi, ma specificando che i suoi commenti sono stati "sconsiderati e completamente sbagliati, ma si riferivano al Governo cinese e non alla popolazione", tuttavia le sue scuse non sono riuscite a reprimere la rabbia politica.

A seguito di questo evento la Guida Michelin ha fortemente criticato queste osservazioni discriminatorie dello chef sul proprio account WeChat, affermando di aver deciso di rimuovere il ristorante dall'elenco degli esercizi consigliati. Le valutazioni del ristorante sui principali siti Web sono crollate, con solo un punteggio di 2,2 (su 5) sulle recensioni di Google, secondo i media.

Chen, una studentessa cinese di Monaco di Baviera, ha dichiarato a dichiarato al Global Times che lei e i suoi numerosi amici cinesi avevano appreso dell'incidente e non sarebbero andati al ristorante se avessero visitato Düsseldorf. L'incidente non è un caso isolato, ma un riflesso dell'ascesa del razzismo e della xenofobia durante la pandemia, ha affermato Zhu Wei, un ricercatore di comunicazioni presso l'Università cinese di scienze politiche e diritto a Pechino.

Il comitato di lavoro anti-epidemia cinese d'oltremare tedesco e altri 23 gruppi cinesi d'oltremare nel paese hanno inviato una lettera congiunta a un servizio stampa locale Rheinische Post per esprimere la loro insoddisfazione, e il punto vendita in seguito ha riferito dell'incidente. Un altro media locale Westdeutsche Zeitung ha descritto il comportamento dello chef come uno "scandalo". Ye Zengya, capo del comitato di lavoro anti-epidemia cinese d'oltremare tedesco, ha dichiarato al China News Service che "protesteremo fermamente contro l'ascesa del razzismo e della xenofobia aiutandoci a vicenda nella lotta contro l'epidemia".