FoodClub | Logo

Riserva 24 e la Family reservation. A Serino, provincia di Avellino, oltre le 24 frazioni c’è una riserva di caccia dismessa

A Serino, provincia di Avellino, oltre le 24 frazioni c’è una riserva di caccia dismessa

Riserva 24 e la Family reservation. A Serino, provincia di Avellino, oltre le 24 frazioni c’è una riserva di caccia dismessa

Sono questi i dettagli che hanno dato il nome al ristorante Riserva 24. Lo racconta con orgoglio Fiore Agnes, allevatore e cuoco del ristorante che propone cucina del territorio, seguendo metodo e ricettazione dello chef Giovanni Mariconda. Fiore Agnes ha annunciato che, per garantire serenità, ha deciso di lavorare ospitando una famiglia per volta così che ogni nucleo familiare sarà libero di concedersi il pranzo o la cena in sicurezza totale, non avendo contatti con estranei al nucleo familiare.

“Ricominciare ad andare al ristorante presuppone un ambiente sereno, mentalmente sereno! Perché la paura ha sopraffatto la nostra ragione, grazie anche ai media che ci bombardano.” Ha dichiarato Agnes ed ha aggiunto che mangiare bene deve essere scontato, quello di cui oggi c’è bisogno è un qualcosa in più, ovvero la sicurezza. “Così con Giovanni Mariconda, mentore di questo ristorante, abbiamo optato per questa scelta.” I prezzi restano invariati, sono stati abbassati i costi di gestione in conseguenza al calo del volume di affari quindi “paradossalmente dovemmo essere in pari con i conti”. Il riadeguamento ha portato al fatto che in struttura ora ci siano solo Fiore ed un collaboratore; gli altri 4 stipendi sono stati aboliti a causa di esigenze maggiori purtroppo. Inoltre il locale è stato adibito ad un moderno “generi alimentari” per la vendita dei loro prodotti cucinati. “È una scelta dettata dal voler tenere a galla l’azienda. Abbiamo anche inserito l’asporto dei nostri" ha detto Fiore.

Lo Chef Mariconda che guida e appoggia Fiore Agnes in tutte le idee dell’attività, ha espresso il suo parere: “a prescindere dai decreti visto che De Luca si siede a tavola con un ristoratore piuttosto che con un altro, io penso che tutti uniti dovremmo operare in una sola visione: la serenità. Questa serenità noi possiamo darla solo se tutti riusciamo a impegnarci nel rispettare le regole; non perché ci vengano imposte ma perché seguiamo quelle regole dettate dalla nostra coscienza, da ciò che abbiamo acquisito da questa esperienza vissuta in comune.”

Bisogna trasmettere a tutte le persone la serenità nel servizio per riprendere le normali abitudini. Mariconda aggiunge “Io sto proponendo il cuoco a domicilio, una cosa vecchia come il mondo -vedi i monzù (o monsù) napoletani, cuochi assoldati dalla Francia.”

Così la ristorazione risponde ai tempi che cambiano.