FoodClub | Logo

Ruggero il cannolo, il Cnr di Palermo crea la scorza resistente

Un team palermitano del Cnr ha utilizzato la glicerina naturale per mantenere croccante l'involucro del dolce siciliano

Ruggero il cannolo, il Cnr di Palermo crea la scorza resistente

Il sovrano della pasticceria siciliana sta vivendo di recente una nuova evoluzione. Un team del Cnr di Palermo ha sviluppato il cannolo che non si rammollisce, e lo hanno chiamato Ruggero, in onore del Primo Re di Sicilia, Ruggero II.

"Tutto è possibile grazie all’ausilio di una piccola quantità di glicerina, un prodotto naturale usato per ricoprire la parte interna della scorza prima della farcitura: così il nuovo cannolo rimane croccante e piacevole al gusto anche a distanza di 12 ore dalla farcitura".

“Il sottile strato di glicerina idratata all’interfaccia fra la crosta e la crema di ricotta impedisce alle proteine del siero del latte presenti nella ricotta di emulsionare lo strato di grasso che ricopre la scorza in margine alla frittura“, spiega Nino Scurria, giovane chimico co-autore del lavoro pubblicato oggi.