FoodClub | Logo

Secondo LaFourchette il 58% dei francesi non vede l'ora di tornare al ristorante.

Il 58% dei francesi prevede di tornare al ristorante entro un mese dalla riapertura dei ristoranti.

Secondo LaFourchette il 58% dei francesi non vede l'ora di tornare al ristorante.

Il 58% dei francesi prevede di tornare al ristorante entro un mese dalla riapertura degli stabilimenti, il 65% dei francesi afferma che andrà al ristorante tanto o più di prima e il 71% dei ristoranti vuole riaprire il prima possibile.

Dopo oltre 9 settimane di chiusura, il governo dovrebbe annunciare domani la riapertura dei ristoranti il 2 giugno e specificare le condizioni sanitarie per farlo. LaFourchette, leader nelle prenotazioni di ristoranti online, ha condotto uno studio volto ad analizzare le nuove aspettative degli utenti e dei ristoratori riguardo alla riapertura dei ristoranti.

Secondo il sondaggio condotto a maggio, quasi il 58% dei francesi afferma che andrà al ristorante più spesso di prima, e il 7% addirittura afferma di voler andarci più di 'prima. I residenti parigini e di Strasburgo, sebbene gravemente colpiti dalla crisi sanitaria, mostrano più fortemente il loro desiderio di tornare al ristorante dal momento che rispettivamente il 66% e il 69% di loro dichiarano di voler tornare lì tanto o più di prima. A capo degli abitanti più cauti, i Bordelais hanno nonostante tutto il 56% delle persone pronte a tornare al ristorante.

In termini di budget, lo studio non prevede un impatto rilevante: solo 1 francese su 4 ritiene che le loro disponibilità economiche siano state influenzate, al punto di prestare maggiore attenzione per le loro spese. Tuttavia, per garantire che riaprano nelle migliori condizioni possibili, è ora essenziale che i ristoratori rassicurino i loro clienti. In effetti, il 78% degli intervistati ha dichiarato che è "molto importante" o "essenziale" essere informati delle misure sanitarie attuate dai ristoranti. Inoltre, la maggioranza (73%) degli intervistati che vogliono andare al ristorante teme meno che la convivialità della loro esperienza di ristorazione venga degradata dalle misure sanitarie che verranno attuate.

Secondo il sondaggio dei ristoratori, il 71% di loro pensa che riaprirà il proprio ristorante il prima possibile e pensa di essere in grado di rispettare le nuove misure che dovranno essere attuate. In effetti, il 73% dei ristoratori ritiene che saranno in grado di separare i tavoli da una distanza di almeno un metro. Per compensare questa carenza, quasi il 23% dei ristoranti ritiene che dovranno estendere le fasce orarie.

Per quanto riguarda i prezzi, il 53% dei ristoranti desidera mantenere gli stessi prezzi di prima della crisi sanitaria; e il 60% prevede di introdurre offerte speciali nel proprio menu.
Inoltre, per rispondere alle preoccupazioni degli utenti e garantire il loro reddito, il 41% è interessato alla creazione di menu digitali, al 36% nei pagamenti digitali e al 28% negli strumenti di ottimizzazione digitale.