FoodClub | Logo

Simone Ciccotti: "I miei dining bond sono un affare"

Lo chef di Antica Osteria di San Lorenzo fa il punto della situazione prima della riapertura del 2 giugno.

Simone Ciccotti: "I miei dining bond sono un affare"

“In questo momento non ci sono le condizioni per ripartire, il mio è un ristorante inserito nella guida Michelin, che lavora molto sul turista che arriva a Perugia e vuole godere di una cena gourmet curata in ogni dettaglio, non avrebbe senso riaprire in questo momento che i confini regionali sono ancora chiusi. Ripartirò il 2 giugno più forte di prima.", queste le parole dello chef Simone Ciccotti, dell'Antica Osteria di San Lorenzo, a Perugia. Nel frattempo i suoi piatti d'alta cucina, specialmente panini d'autore, sushi e pizza gourmet, possono essere gustati attraverso la formula del take-away.

A partire dal 2 giugno, giorno della riapertura, i clienti potranno anche riscuotere i dining bond acquistati in questo periodo. I voucher permetteranno di godere di una cena per 2 persone a un prezzo d'eccezione. Ciccotti è entusiasta di questa formula: "Io sono stato tra i primi a sperimentarli perché ho seguito l’esempio di New York e Miami dove la situazione è peggiore della nostra e i dining bond vengono molto utilizzati sia per i ristoranti che per gli alberghi. Anche da me stanno funzionando molto bene, ne ho già venduti circa 150, ognuno vale una cena per due persone, sette portate degustazione e vino incluso per 50 euro. Per il cliente è un affare perché nel nostro ristorante 25 euro è il prezzo di un primo piatto, per noi avere liquidità rappresenta una grande boccata d’ossigeno che ci permette di far fronte alle spese vive di questo periodo, dalle bollette ai rifornimenti."