FoodClub | Logo

Stati Uniti, l'industria della ristorazione ha perso 5,5 milioni di posti di lavoro in aprile, 1 lavoratore su 4

L'occupazione negli U.S.A. è scesa dai circa 11,9 milioni di marzo ai 6,4 milioni di aprile

Stati Uniti, l'industria della ristorazione ha perso 5,5 milioni di posti di lavoro in aprile, 1 lavoratore su 4

Le cifre sono diminuite la scorsa settimana, dei 20,5 milioni di posti di lavoro americani persi ad aprile, di cui circa 5,5 milioni nel settore della ristorazione. Secondo i dati recentemente pubblicati, l'occupazione salariale nei servizi di ristorazione e nei locali è scesa da circa 11,9 milioni di marzo a 6,4 milioni di aprile. Se si contano i numeri dallo scorso febbraio, prima che la crisi del Coronavirus raggiungesse il culmine e gli Stati emettessero ordini di contenimento, un totale di 5,9 milioni di persone ha perso il lavoro nella ristorazione.

Naturalmente, queste cifre non tengono conto delle persone prive di documenti e di tutti coloro che hanno lavorato senza essere dichiarati alle autorità. Questa crisi pandemica ci riporta alla situazione di quello che era il settore della ristorazione 30 anni fa, alla fine degli anni '80. Gli Stati Uniti non hanno mai visto un numero totale di disoccupati così alto, un tasso che attualmente si attesta a quasi il 14,7%, paragonato al periodo durante l'ultima recessione dell'ottobre 2009, la disoccupazione, in quel caso, aveva raggiunto 10%.

Molte di queste attuali perdite di posti di lavoro dovrebbero essere temporanee, poiché la pandemia si attenua. Gli States stanno cercando di revocare le restrizioni al contenimento; alcuni ristoranti stanno iniziando a riaprire o hanno assunto personale dopo aver ricevuto aiuti dal Governo. Ma le perdite finanziarie sono così grandi che alcune società non riapriranno o riapriranno, ma con un personale di gran lunga inferiore.