FoodClub | Logo

USA, arriva la guida per riconoscere un McDonald's perfetto e a prova di Fase 2

La catena di fast food ha distribuito una guida ai proprietari di franchising per il distanziamento sociale

USA, arriva la guida per riconoscere un McDonald's perfetto e a prova di Fase 2

"Pulisci i chioschi digitali ogni volta che un cliente ordina. Posiziona dei cartelli con scritto "chiuso" su alcuni tavoli per promuovere il distanziamento sociale. Pulisci i bagni ogni mezz'ora." Queste sono alcune delle istruzioni di una guida di 59 pagine che McDonald's ha recentemente distribuito ai franchisee delineando le procedure per riaprire in sicurezza le sale da pranzo della catena di fast food in tutti gli Stati Uniti.

La guida - intitolata "The Dine-In Reopening Playbook" - non delinea una linea temporale rigorosa, dando agli affiliati un po 'di discrezionalità nel decidere quando riaprire. Una volta che il governo locale ha dichiarato che i ristoranti possono ammettere gli ospiti, un funzionario di McDonald's in quello stato deciderà se la riapertura può iniziare. Quindi i singoli proprietari di franchising prenderanno una decisione sull'opportunità o meno di riaprire.

Finora, meno di 100 sedi di McDonald's hanno aperto sale da pranzo negli Stati in cui ciò è già consentito. Un portavoce di McDonald's, Jesse Lewin, ha dichiarato che la compagnia e i suoi affiliati hanno discusso dei piani di riapertura "nelle ultime settimane". La compagnia ha lavorato con epidemiologi e funzionari sanitari statali e locali per mettere insieme le linee guida. Oltre alle regole relative a chioschi e bagni, la guida chiede che tutte le aree "high-touch" vengano disinfettate ogni 30 minuti e raccomanda di apporre segnaletica sul pavimento per evitare che i clienti si sfiorino mentre si spostano. I dettagli della guida sono stati precedentemente riportati dal Wall Street Journal.

A differenza dei piccoli ristoranti indipendenti che sono stati colpiti durante la pandemia, McDonald's era in una buona posizione per resistere alla ricaduta economica. I drive-through sono rimasti aperti e hanno rappresentato circa i due terzi delle entrate dell'azienda prima della crisi. Ma la linea di fondo dell'azienda ha ancora avuto un colpo. Dopo aver riportato un calo delle vendite il mese scorso, l'amministratore delegato dell'azienda, Chris Kempczinski, ha avvertito che "la traiettoria esatta della nostra ripresa è altamente incerta". E i lavoratori e i sindacati hanno criticato la società per non aver fornito attrezzature protettive sufficienti ai dipendenti.

Nella guida sulla riapertura, McDonald's ha affermato che avrebbe richiesto che i dipendenti dovessero misurare la temperatura prima del lavoro, indossare guanti e maschere per il viso e lavarsi le mani ogni ora. "Per gli ordini di ristorazione, la busta verrà posizionata su un vassoio igienizzato pulito e consegnata al cliente mantenendo i requisiti di distanza sociale", afferma la guida. "Non dimenticare tovaglioli e cannucce!" .

Praticamente ogni proprietario di un ristorante negli Stati Uniti - dagli chef stellati ai dirigenti di fast food - ha lottato per rendere sicure le sale da pranzo nell'era del Coronavirus. Alcuni proprietari stanno progettando di installare barriere in plexiglass tra le cabine, mentre altri si rivolgono a menu di carta e posate usa e getta.

McDonald's non è l'unica catena di fast food che si avvicina alla riapertura. Il ristorante Brands International, la casa madre di Burger King e Popeyes, ha dichiarato questa settimana che avrebbe iniziato a riaprire le sale da pranzo con una serie di nuove precauzioni di sicurezza, tra cui la "bella segnaletica da tavolo" per indicare quali tavoli sono aperti. La guida di McDonald's include anche una sezione di domande e risposte su come gestire gli ospiti che si rifiutano di rispettare le linee guida per il social distanza.