FoodClub | Logo

Indennizzo assicurativo per la ristorazione: "Dopo 11 settimane di stallo i muri si stanno lentamente rompendo"

Stéphane Jégo, la nostra battaglia contro le assicurazioni è alla resa finale, stanno cedendo.

Indennizzo assicurativo per la ristorazione: "Dopo 11 settimane di stallo i muri si stanno lentamente rompendo"

E' di qualche giorno fa la notizia che il tribunale amministrativo di Parigi abbia ordinato alla compagnia AXA di di risarcire il ristoratore Stéphane Manigold per la perdità di 2 mesi di fatturato per chiusura imposta dallo stato. Un precedente che venisse confermato aprirebbe battaglie legali in tutto il mondo.

Negli Stati Uniti è Thomas Keller a condurre questa battaglia in nome della ristorazione (qui), ora lo chef parigino Stéphane Jégo chiede una nuova mobilitazione. Lo chef ha appena lanciato una nuova petizione online , che è stata firmata da 140.000 persone. Che si sia arrivati ad una svolta?

La petizione 

Dopo undici settimane di braccio di ferro con l'assicurazione, il muro sta cedendo. Ci chiediamo tutti perché i tribunali sono gli unici che possono far valere i nostri contratti, per i quali contribuiamo - 7.498,94 euro ogni anno da parte mia.

Dall'inizio di aprile, 300 ristoratori hanno avviato trattative con Axa, tramite il broker assicurativo Satec, e, venerdì, un ristoratore ha ottenuto una vittoria provvisoria contro questo stesso broker. Ad Axa sono assicurati 18.000 contratti contro l'interruzione dell'attività. Le cifre sono "cambiate" una volta che l'istituto assicurativo è stato coinvolto nella danza. Lo stesso assicuratore ha affermato che erano solo "cinquanta".

Questa crisi sanitaria ha fatto luce crudele su una gestione crudele di un settore. Abbiamo sempre demonizzato la politica, l'industria del tabacco e persino il settore bancario. Ma non l'assicurazione. Il loro ruolo è assicurare, proteggere.
.
Eppure, già dopo gli attacchi dell'11 settembre, è stata la Corte suprema dello Stato di New York che ha costretto Axa - ancora - a pagare alcuni dei suoi clienti. I ristoranti e i caffettieri sapranno alla fine di maggio se potranno riaprire dal 2 giugno nei dipartimenti classificati come "verdi". Fino ad allora, tutti dovrebbero rileggere e informarsi sui loro contratti.
.

Nella risposta alla nostra petizione sul cambiamento, il Ministro dell'Economia ha dichiarato: "Alcuni contratti assicurativi prevedono la gestione di perdite operative in caso di chiusura amministrativa dell'attività o danno morale: invitandoci a leggere attentamente le condizioni del nostro contratto e, se i termini che ho menzionato prima sono menzionati, devi ovviamente essere risarcito senza indugio. Ci assicureremo. "

Insomma, si infiamma la battaglia dopo la decisione del tribunale di Parigi di obbligare AXA a rimborsare Manigold. Un precedente che potrebbe essere impugnato in tutto il mondo e aprire cause di risarcimento milionarie nei tribunali a favore dei ristoratori.

Questo è il primo caso al mondo di una decisione in questa direzione presa in un'aula di un tribunale.