FoodClub | Logo

Michelin Nordic Countries 2020: Ecco tutte le novità

Ecco tutte le novità, le nuove stelle della nuova guida Michelin nord Europa 2020

Michelin Nordic Countries 2020: Ecco tutte le novità

Trondheim - Ieri per la prima volta la cerimonia di presentazione della guida Michelin per i paesi nordici si è svolta in Norvegia.

Ieri nella cittadina di Trondheim è stata svelata la Guida MICHELIN Nordic Countries 2020 , la scorsa settimana ci siamo divertiti a creare un pronostico su quello che sarebbe avvenuto a questa cerimonia, e tranne che per il ristorante Brace di Nicola Fanetti (a cui auguriamo di raggiungere presto il riconoscimento) abbiamo azzeccato tutte le previsioni. Ecco com'è andata.

La Michelin Nordic Countries copre le seguenti nazioni, Norvegia, Svezia, Danimarca, Finlandia, Islanda e Isole Far Oer, queste sono state le novità più rilevanti, quattro i nuovi ristoranti a 2 stelle: Alchemist a Copenaghen, in Danimarca, Rasmus Munk, entra direttamente nella guida con 2 stelle Michelin; Jordnær , a nord di Copenaghen, guidato dallo chef Eric Kragh Vildgaard; Aloë in Älvsjö, alle porte di Stoccolma, in Svezia e RE-NAA a Stavanger, in Norvegia, sotto la guida di Sven Erik Renaa.

Oltre a guadagnare 2 stelle, Jordnær riceve anche il premio Michelin Nordic Country Welcome & Service Award 2020 offerto dalla Ferrari Trento , merito di Tina Kragh Vildgaard che alla guida del servizio, risulta impeccabile, contribuendo a creare un'esperienza degustativa davvero memorabile.

Avevamo sperato anche per la segnalazione del Nolla Restaurant in Helsinki, uno dei primi ristoranti al mondo "Zero-Waste" ed è arrivata.

Sette i nuovi monostellati. La Norvegia è la grande trionfatrice della manifestazione con ben quattro nuove segnalazioni: Bare focalizzato sul biologico a Bergen, il kaiden di Vladmir Pak nel suo Omakase a Oslo, Speilsalen , l'elegante ristorante situato in lussuoso hotel a Trondheim e infine il preannunciatissimo Under a Lindesnes, il ristorante sott'acqua.

1 stella anche per Etoile a Stoccolma, con la sua intrigante cucina globale, Inari a Helsinki, di cui il riconoscimento era nell'aria da tempo, porta un nuovo monostellato in Finalndia e notizia non di poco conto, il rilancio del DILL a Reykjavik, che dopo una breve chiusura forzata lo chef Gunnar Karl Gíslason tornato da New York si è messo al lavoro per riportare la stella in Islanda.

Il premio Michelin Mentor Chef 2020 dei Paesi nordici Michelin offerto da Michelin Nordic è andato Rasmus Kofoed (a chi se no?) del Restaurant Geranium a Copenaghen. Il più grande cuoco danese e unico a riuscire a vincere tutte e tre le statuette del prestigioso Bocuse D'or come concorrente, lo scorso anno è riuscito a raggiungere il primo scalino del podio anche come allenatore della squadra danese.

Vincitore del Michelin Nordic Countries Sustainability Award 2020 offerto da Danske Bank è Magnus Ek del Oaxen Krog e Oaxen Slip a Stoccolma, Svezia.

Poullennec, direttore della Guida Michelin, ha dichiarato: “Oggi la sostenibilità sta diventando sempre più importante nella mente delle persone e in nessun luogo avviene come nei paesi nordici, dove hanno abbracciato davvero la sostenibilità come stile di vita"

Quest'anno sono state introdotte ulteriori informazioni sul sito Web Michelin (www.guide.michelin.com) per evidenziare i ristoranti nordici che seguono attivamente un'etica sostenibile.

Guida MICHELIN Paesi nordici 2020, i numeri:

Due ristoranti con 3 stelle

13 ristoranti a due stelle, tra cui quattro nuove aggiunte

47 ristoranti a una stella, tra cui sette nuove aggiunte

30 ristoranti Bib Gourmand, tra cui quattro nuove aggiunte

156 ristoranti Plate, di cui 19 nuove aggiunte

Per l'elenco completo dei ristoranti stellati nei Paesi nordici, consultare la Guida Michelin ai Paesi nordici separati Elenco Premi 2020 .

https://contentcenter.michelin.com/mtp/2020/index.jspz