FoodClub | Logo

"Gli Usa avranno le loro contraddizioni, ma quando c'è un'emergenza da affrontare si va in ALL IN", Romolo Algeni da New York fa il punto della situazione sull'emergenza.

Romolo Algeni da New York, fa il punto della situazione sull'emergenza sanitaria.

"Gli Usa avranno le loro contraddizioni, ma quando c'è un'emergenza da affrontare si va in ALL IN", Romolo Algeni da New York fa il punto della situazione sull'emergenza.

Come state vivendo questo periodo di emergenza a New York?

Come in tutto il mondo la situazione non è semplice. La situazione e' scoppiata all'improvviso. New York in un attimo si è trovata a guidare questa triste classifica, con il maggior numero di positivi al COVID-19. La città non è comunque in quarantena, anche se dobbiamo sottostare a delle restrizione per garantire l'ordine e la salute pubblica. I Newyorkesi si stanno dimostrando delle ottime persone seguendo le regole in maniera civile.

"Gli Usa avranno le loro contraddizioni, ma quando c'è un'emergenza da affrontare si va in ALL IN", Romolo Algeni da New York fa il punto della situazione sull'emergenza.

Il tema più discusso e di maggior preoccupazione nel comparto ristorativo è: Quanto potremo resistere in queste condizioni? Che misure ha adottato il governo statunitense per supportarvi?

Molti ristoranti hanno scelto volontariamente di chiudere e quindi sono ovviamente a zero flusso di cassa, altre attività hanno deciso di restare aperte organizzandosi con il delivery che comunque consente di far girare l'economia. Il governo ha attivato delle sovvenzioni speciali per le attività, sono stati sospesi i pagamenti di fitti per i prossimi due mesi 2 mesi, e fermi al momento fino a data da destinarsi il pagamento di mutui e tasse, inoltre i trasporti pubblici sono gratuiti per tutti. Per i dipendenti che hanno perso il lavoro sono stati messi a disposizione 1200 $ al mese, più 500 dollari extra per ogni figlio a carico.

Come si sta muovendo la macchina della solidarietà?

Gli USA come ogni nazione ha le proprie contraddizioni. Ma quando si mette in stato di emergenza è un "ALL IN". Molti centri eventi o strutture di grandi dimensioni sono state requisite e in pochi giorni si sono quintiplicati i posti ricovero a disposizione. Ognuno prova a fare la sua parte, noi ristoratori agiamo sotto il coordinamento di un centro che gestisce il delivery gratuito agli operatori dei centri di emergenza. Ogni giorno ci viene detto dove consegnare le 3 razioni quotidiane che ogni ristorante partecipante all'iniziativa mette a disposizione. Noi attualmente stiamo consegnando 150/170 pasti al giorno per conto del centro emergenza del comune di New York. In totale siamo un gruppo di 200 ristoratori.

"Gli Usa avranno le loro contraddizioni, ma quando c'è un'emergenza da affrontare si va in ALL IN", Romolo Algeni da New York fa il punto della situazione sull'emergenza.

Quali misure state adottando per far lavorare in sicurezza la brigata del ristorante?

Ho seguito i consigli di alcuni scienziati che lavorano vicino al mio ristorante nell'ospedale più grande degli USA. Il consiglio è stato di creare un gruppo fisso di lavoro di 12 persone , evitando rotazioni che potrebbero esporli al contagio adottando tutte le misure necessarie a mantenere alti lo standard di igiene.

"Gli Usa avranno le loro contraddizioni, ma quando c'è un'emergenza da affrontare si va in ALL IN", Romolo Algeni da New York fa il punto della situazione sull'emergenza.

Il Made in Italy scarseggia?

Per nostra filosofia il menu è basato su nostre ricette, per fare un esempio noi creiamo la nostra mozzarella in casa cosi come altri prodotti. Pur volendo al momento non si riuscirebbe comunque ad avere mozzarella fresca italiana in quanto la produzione è ferma.

Ultima domanda, Romolo tu sei un ristoratore molto conosciuto a NYC, il tuo ristorante è frequentato da molte personalità influenti, tra questi i maggiori esponenti di Wall Street: Qual é il loro pensiero riguardo la situazione economica in questo terribile momento?

Coincidenza vuole che proprio l'altro giorno e' stato qui Michael Bloomberg e le ho posto la stessa domanda, la risposta? Sara' un disastro.

"Gli Usa avranno le loro contraddizioni, ma quando c'è un'emergenza da affrontare si va in ALL IN", Romolo Algeni da New York fa il punto della situazione sull'emergenza.
Romolo Algeni con il suo Paola's è istituzione della cucina italiana a New York

Paola’a a New York
295 Madison Avenue
Tel. +1 212-794-1890

www.paolasrestaurant.com