FoodClub | Logo

Ricette del Carnevale: Il Migliaccio "Salato" con cappellini Bacolese

Ricette del Carnevale: Il Migliaccio con cappellini

Ricette del Carnevale: Il Migliaccio "Salato" con cappellini Bacolese

Di Giannantonio Scotto di Vetta

Ingredienti
1/2 kilo di capellini
10 uova
2 cucchiai di strutto da mettere nell'acqua di cottura della pasta
1 cucchiaio di strutto da mettere nell'impasto
4 bustine di vanillina da 0.5 gr
750 gr di zucchero
1 bicchierino di limoncello e strega
Pepe, formaggio parmigiano qb.
1 Buccia di un limone e di una d'arancia
Chiodi di garofano e cannella.

Procedimento

Mettere a bollire l'acqua dove verrà cotta la pasta, sciogliendo all'interno due cucchiai di strutto.

Ricette del Carnevale: Il Migliaccio "Salato" con cappellini Bacolese


Scolare bene la pasta e metterla in un recipiente.

Ricette del Carnevale: Il Migliaccio "Salato" con cappellini Bacolese


Aggiungere un cucchiaio di strutto (che si scioglierà con la pasta calda), la vanillina, i chiodi di garofano, la cannella e il pepe, cominciare a impastare.

Ricette del Carnevale: Il Migliaccio "Salato" con cappellini Bacolese
Aggiunta dello strutto
Ricette del Carnevale: Il Migliaccio "Salato" con cappellini Bacolese
Aggiunta degli aromi

Aggiungere la buccia di limone e di arancia grattugiata, la strega e limoncello e il parmigiano, continuare a impastare e mettere a riposo.

Adesso bisogna far raffredare un pò la pasta, successivamente verrano inserite le uova dopo essersi assicurati che la pasta sia decisamente fredda, pena vi ritrovereste una frittata nel piatto.

Ricette del Carnevale: Il Migliaccio "Salato" con cappellini Bacolese


Intanto rompere le 10 uova in un altro recipiente e sbatterle.

Ricette del Carnevale: Il Migliaccio "Salato" con cappellini Bacolese


Fatto tiepido il nostro impasto, unirlo alle uova e girare fino a quando le uova non si distribuiscono bene nell'impasto.

Ricette del Carnevale: Il Migliaccio "Salato" con cappellini Bacolese


Dopo il procedimento è simile a quello per la frittata di pasta. Padella bollente con abbastanza olio, versare il contenuto nella padella e aspettare che la parte al contatto con la piastra diventi cotta. Ogni tanto si può controllare con la forchetta che la pasta si stia cuocendo e non bruciando.

Ricette del Carnevale: Il Migliaccio "Salato" con cappellini Bacolese
Ricette del Carnevale: Il Migliaccio "Salato" con cappellini Bacolese


Quando la parte inferiore ha raggiunto una buona consistenza da permettere di girare il migliaccio, arriva il momento più difficile, coperchio su e si gira la pasta nel coperchio, per poi farla scivolare con attenzione di nuovo in padella per terminare la cottura della metà superiore del migliaccio, ora a contatto con la padella.

Ricette del Carnevale: Il Migliaccio "Salato" con cappellini Bacolese


Quando sarà bella dorata e dalla cottura uniforme vorrà dire che il vostro migliaccio "Bacolese" è pronto.

Mettere in un vassoio a raffreddare e gustatelo quando si sarà completamente assestato.

Buon appetito e buon carnevale a tutti.

Ricette del Carnevale: Il Migliaccio "Salato" con cappellini Bacolese

Pensiero a riguardo

Il migliaccio l'ho sempre mangiato così, con la pasta, con gli immancabili capellini che tanto amava mio nonno, tanto da farli odiare a mio zio. Il migliaccio di pasta, io lo chiamo Bacolese, per distinguerlo da quello dei comuni limitrofi. Ma come tante cose belle di questa terra, poi ho scoperto che è tradizionale anche in altri comuni campani. Un po' come il casatiello dolce che tutti vorrebbero attribuire esclusivamente al Monte di Procida, salvo poi ricordarsi che addirittura la chef Rosanna Marziale lo prepara a Caserta!!!

E' un ricordo di infanzia, delle case dei nonni, e dei periodi di festa, come quello di Carnevale. Non c'era casa, non c'era zia o zia acquisita o lontana parente o amica che non avesse un pezzettino da donarti, soprattutto per l'orgoglio di mostrare che infondo il loro era il migliore.

Naturalmente, come ogni cosa del mio paese, ognuno fa la sua ricetta e per ognuno (ovviamente) la propria è sempre la più buona del mondo.

Per questo nessuna ricetta sarà mai uguale a un'altra, ma in linea di massima le dosi sono queste, tranne poi variarne alcune (la quantita di pepe e formaggio ad esempio) per renderla personalizzarla e farla a proprio gusto.

Chiaro è però che il migliaccio è un dolce e proprio questi ingredienti salati vanno trattati con cura

Ricette del Carnevale: Il Migliaccio "Salato" con cappellini Bacolese
Giannantonio Scotto di Vetta è storico collaboratore del ristorante 1 stella Michelin Sud di Marianna Vitale e Pino Esposito che ancora una volta ci delizia con una ricetta che mostra il lato migliore di noi.