FoodClub | Logo

Alla Bentoteca di Tokuyoshi, l'Italia e il Giappone sono finalmente confinanti

Bentoteca di Yoji Tokuyoshi, una vera cucina giapponese autentica a portata di mano

Alla Bentoteca di Tokuyoshi, l'Italia e il Giappone sono finalmente confinanti
BENTOTECA - Tokuyoshi
Via S. Calocero, 3, 20123 Milano MI
Aperto tutti i giorni a cena, domenica anche a pranzo e lunedì chiuso.
Tel 340 835 7453

Avete mai provato a gustare una perfetta pizza napoletana a Shangai? 

Una convincente paella valenciana a Toronto o un tradizionalissimo omakase di sushi a New York?


Quante volte abbiamo sentito o potuto gustare le creazioni di uno Chef tristellato che ha presentato il proprio menu a migliaia di chilometri di distanza dal suo ristorante? 

Piatti originali preparati con la maggior quantità di ingredienti autentici, elaborati e cucinati con utensili portati personalmente nella valigia dello Chef.


Cucine “Copia & Incolla”: la cura migliore per chiunque sia vittima di un'astinenza gastronomica lacerante o chi non riesca a viaggiare nei luoghi di origine di quei sapori tanto desiderati. Ci piacciono? Ne andiamo matti! Un nigiri di uni di Hokkaido, delle linguine al pesto fresco o un tacos al pastor al momento giusto sono pure oasi di felicità, dovunque esse vengano servite.


Riuscire a ricreare un’esperienza autentica in un ambiente o per ospiti diversi non deve essere facile, e questo tipo di ristorazione ha permesso al nostro palato di viaggiare il mondo rimanendo in un quartiere. Ma la ricerca e l'avanguardia gastronomica non si fermano al saper riprodurre, bensì nel creare il nuovo. L’innovazione spesso viene generata dall’incontro di due culture. Gli ultimi 10 anni hanno visto nel nostro paese, un grandissimo fiorire di ristoranti nipponici finalmente gestiti da veri giapponesi. Hanno permesso di educare il pubblico italiano alla differenza tra il Japan Made in China e una realtà molto più autentica e convincente.
Questo terreno fertile ha stimolato la crescita e lo sviluppo di una nuova concezione di gastronomia. Come l’elegante e pluripremiato Luca Fantin al Bulgari di Tokyo offre un menu di cucina italiana preparato con la maggior parte di ingredienti nipponici di altissima qualità, a Milano Yoji Tokuyoshi cucina italiano con metodi tipici del sol levante e cucina giapponese con ingredienti, tecniche e suggestioni italiane.
Il progetto di Yoji ha radici profonde in Italia. Dopo anni stellati passati a Modena, vive da tempo a Milano dove con Anna sta crescendo la loro bellissima famiglia e i loro sogni. Il Covid avrebbe potuto far inaridire il progetto del nuovo Tokuyoshi che, dopo una profonda ristrutturazione di spazi e idee, aveva riaperto le sue porte giusto il 4 febbraio 2020. Solo un anno prima nella stessa data, aveva visto la luce Alterego, il suo ristorante gemello a Tokyo, nato nei locali dell’ex Den, e subito stella Michelin.  Le radici dello chef sono forti e non si sono fatti spaventare dalla prima siccità e hanno dato vita a BENTOTECA, una versione più casual e buonissima del concept originario del ristorante a Milano in zona Sant’Ambrogio.

Alla Bentoteca di Tokuyoshi, l'Italia e il Giappone sono finalmente confinanti

Bentoteca, interni

Alla Bentoteca di Tokuyoshi, l'Italia e il Giappone sono finalmente confinanti

La sala

Alla Bentoteca di Tokuyoshi, l'Italia e il Giappone sono finalmente confinanti



Questo wine bar è un seme che germogliato dall’entusiasmo di Yoji e il suo giovane team, sta crescendo con una velocità inaspettata e ramificandosi così da raggiungere una clientela prettamente italiana che prima poteva avere difficoltà ad avvicinarsi ad un ristorante stellato.

BENTOTECA vive nei nuovi locali di Tokuyoshi dove i mobili vintage anni ‘50, una collezione di arte tanto pop quanto preziosa e un colori verde/blu/rosso ( ognuno per ogni sala incluso il bagno ) accolgono gli ospiti in un ambiente molto elegante ma capace di infondere serenità e calore. 

Alla Bentoteca di Tokuyoshi, l'Italia e il Giappone sono finalmente confinanti

Yoji Tokuyoshi


Il menu è un simpatico foglio giallo giallissimo dove si selezionato i piatti desiderati apponendo crocette tipo schedina totocalcio, ma nomi come sinfonia di verdure, panda-burro-acciughe, prosciutto e ricciola e katsusando di lingua ….. non rendono il potenziale della nuova cucina di Yoji, adesso che finalmente lui è tornato a lavorarci full time .
In un locale con prezzi da vero bistrò, le complicità di gusti Giappo-italici sono molto curate, e si fa a gara a capire quale percentuale della genesi del piatto sia più nipponica o del bel paese. La presentazione di ogni portata ti coinvolge perché sa alternare la leggerezza e l’umorismo della cultura più pop giapponese con la cura del dettaglio più tipica di uno ristorante gastronomico. Non dovrebbe esistere umano indifferente alla dolcezza emotiva del piatto instagram di questo wine bar: il panda burro e acciughe. Un servizio di “pane” tenero nell’estetica, tenerissimo nella consistenza ma che rivela al suo interno la sapidità spinta di questo pesce azzurro…. che a bisogno di abbondante burro per far sorridere il kung fu panda dentro ognuno di noi.

Alla Bentoteca di Tokuyoshi, l'Italia e il Giappone sono finalmente confinanti

Abbiamo magari perso la delicatezza dei petali decorativi della finta pizza capricciosa alla Tokuyoshi ma il katsusando di lingua con salsa verde, servito su un piatto decorato da un toro pronto a caricare il torero, e’ una potente corrida di gusti che convince tutti.

Alla Bentoteca di Tokuyoshi, l'Italia e il Giappone sono finalmente confinanti

La lingua in Giappone è uno dei tagli di carne più ricercati dai locals quando passano ore a cucinare uno per l’altro nei ristoranti yakitori, ma in Italia è di solito più apprezzato in provincia dai nonni o i genitori dei ragazzi che adesso da BENTOTECA finiscono il sandwich nipponico in 3 bocconi.

Alla Bentoteca di Tokuyoshi, l'Italia e il Giappone sono finalmente confinanti

Due sono i piatti che mi fanno sospettare che i panni del bistró stiano stretti a chef Yoji. La qualità della cottura del piccione ubriaco marinato in sake’ di rosa marina, è così alta che quella che doveva essere una porzione per 2 è sorprendentemente finita nella pancia di uno.

Alla Bentoteca di Tokuyoshi, l'Italia e il Giappone sono finalmente confinanti

Il volatile ti viene presentato ovviamente alla giapponese così da poterne gustare direttamente con le bacchette dei piccoli bocconi, ma è stato cucinato intero e la tenerezza delle carni e il loro succo sono il risultato di tecnica non comune anche ad altri pluristellati che oramai concludono i loro menu solo con il piccione, come se qualsiasi altro volatile si fosse…. volatilizzato, ma che a volte ha la consistenza di un Pterosauro.


Ma il vero gioiello del menu di Bentoteca sono i bocconi di animelle in stile karaage. In Giappone questo snack popolarissimo è una versione da trattoria dei bocconcini di pollo di Ronald McDonald…… ma da Yoji è un ingrediente selezionassimo che rimane tenero e sugoso, avvolto da una pastella resa così croccante da sembrare quasi biscottosa al palato e presentata su un piatto di ceramica decorato esattamente con la stessa texture della impanatura.

Alla Bentoteca di Tokuyoshi, l'Italia e il Giappone sono finalmente confinanti

Con questo piatto lo chef ha esagerato. Una nuova ricetta così preziosa da rendere un'animella, una pepita di bontà degna di appartenere al podio delle olimpiadi delle animelle. Non fatevene portare una montagna, due pezzi bastano. Uno da provare secco, l’altro facendolo tuffare nella salsa yuzupon. Poi basta, tenetevi il ricordo. Un giorno penserete di esservelo solo sognato.


Il Bento che è sinonimo di un pasto frugale consumato fuori casa ma composto comunque in terra nipponica da ingredienti di qualità e ben equilibrati tra di loro, viene presentato come ultima portata salata.

Alla Bentoteca di Tokuyoshi, l'Italia e il Giappone sono finalmente confinanti

Un piatto in scatola e che scatola, fatta in legno pregiato, riempito da un fondo di riso di Nigata e ingredienti diversi, leggeri e pieni di sapori distinti.

In Giappone è tradizione finire un pasto con del riso per far sì che gli ospiti ne possano mangiare liberamente fino a sentirsi pienamente soddisfatti. Voi sentitevi liberi di mettervi nella mani di Chef Yoji e del tuo team in perfetto stile Omakase, lasciateli fare. Abbiate fiducia della loro selezione di vini naturali fatti con fermentazioni spontanee, lieviti indigeni in cui l’intervento dell’uomo è molto limitato. Marco e Caroline vi guideranno alla ricerca dell’umami creato dalla lunghe macerazioni che nel rispetto della natura riescono a far esprimere a piccoli produttori il loro attaccamento al territorio.

Alla Bentoteca di Tokuyoshi, l'Italia e il Giappone sono finalmente confinanti


Dalle radici forti e profonde  di Tokuyoshi è nato BENTOTECA e i suoi rami sono pronti a portarci in un mondo molto divertente goloso dove Italia e Giappone sono paesi confinanti.

Alla Bentoteca di Tokuyoshi, l'Italia e il Giappone sono finalmente confinanti