FoodClub | Logo

Pi Greco 2019 e il successo di Antonella Lombardo

WineClub di Marina Alaimo, questa settimana ci racconta il Pi Greco 2018 di Antonella Lombardo

Pi Greco 2019 e il successo di Antonella Lombardo

La piccolissima realtà vitivinicola di Bianco mi ha sempre intrigato. E’ un borgo della Locride, ai piedi dell’Aspromonte, sulla costa jonica della Calabria, dove un po’ tutte le famiglie si aiutano nella produzione del vino passito di antica memoria. Così, dopo che un amico ha postato su Facebook la grande novità di Pi Greco, vino secco da uve Greco di Bianco, mi sono precipitata a chiederne qualche bottiglia. Pino, il mio amico, si è reso subito disponibile, ma le poche bottiglie prodotte si sono velocemente esaurite dagli scaffali delle enoteche. Strano! E’ successo che l’intraprendente Antonella Lombardo abbia ricevuto il premio come Viticoltrice dell’Anno dalla Guida ai Vini d’Italia 2021 del Gambero Rosso e i suoi vini sono andati a ruba. Testardo nella sua ricerca, Pino è andato a trovare la produttrice in cantina dove è riuscito a comperare qualche bottiglia. La piccola azienda è a Caraffa del Bianco, che nel nome sembra segnare il destino di Antonella, avvocato ritornata alle proprie origini dedicandosi alla viticoltura. Siamo proprio sulla punta dello stivale che si spinge verso il mare in cerca di un equilibrio oscillante tra la montagna, la lingua di terra stretta e la costante dell’incertezza che fluttua sull'orizzonte, laddove l’azzurro del cielo si mescola a quello marino. C’è grande desiderio in questa donna di ritrovare le proprie radici e la fierezza della sua gente attraverso la vite, con un certo coraggio che le consente di sfidare le ataviche convenzioni ben salde ai rituali del vino passito, fino a dare forma a Pi Greco e a un certo senso di libertà. La costante matematica vuole divenire costante nella qualità e i primi risultati sono alquanto convincenti.

All'Assaggio

Il vino è solare e delicatamente profumato, richiama un timbro decisamente mediterraneo, apre su toni di fiore bianco, di piccole erbe mediterranee, mandarino e sasso di mare, pieno e succoso il sorso, vivace nella freschezza, segna un inizio molto incoraggiante con il merito dei Tre Bicchieri Gambero Rosso.