FoodClub | Logo

A volte i migliori luoghi si scoprono per caso: The Salmon il ristorante museo nel cuore di Oslo

A volte i migliori luoghi si scoprono per caso: The Salmon il ristorante museo nel cuore di Oslo

A volte i migliori luoghi si scoprono per caso: The Salmon il ristorante museo nel cuore di Oslo
The Salmon
Strandpromenaden 11, 0252 Oslo, Norvegia
Prezzi: Sui 50 euro p/p
Orari: Aperto ogni giorno dalle 11 alle 18
Telefono: +47 415 48 080

Ero diretto all'Astrup Fearnley lo straordinario museo delle arti contemporanee progettato da Renzo Piano che sorge sul promontorio del nuovo quartiere Tjuvholmen di Oslo, quando il mio "leggendario" appetito misto alla curiosità che mi anima quando "vivo" una nuova città, mi ha "costretto" a guardarmi intorno, in cerca di qualcosa da mettere sotto i denti, ed è così che per caso e per fortuna ho scoperto The Salmon.

A volte i migliori luoghi si scoprono per caso: The Salmon il ristorante museo nel cuore di Oslo

Come molti di voi sapranno, la Norvegia è il più grande produttore di salmone al mondo, circa il 33% di tutto il pesce di questa specie commerciata nei mercati ittici internazionali proviene da queste acque. Per rendere l'idea di quanto sia potente l'industria del salmone in Norvegia basta dirvi che rappresenta la seconda voce del PIL subito dopo il petrolio, e negli ultimi anni le esportazioni sono addirittura cresciute di conseguenza alla moda del sushi.

Cos'è The Salmon?

The Salmon è un esperienza gastrointerattiva nata da una domanda precisa: "Per quanto tempo ancora possiamo sfruttare le risorse ittiche del nostro mare? la natura potrà sostenere questi consumi? Stiamo forse rischiando la distruzione completa dell'ecosistema dei salmoni?"

A queste domande The Salmon è la risposta, un progetto che abbraccia a 360° l'industria del salmone.

A volte i migliori luoghi si scoprono per caso: The Salmon il ristorante museo nel cuore di Oslo

Cos'ha di diverso il salmone di The Salmon?

Un sistema di produzione complesso, una filiera produttiva che parte proprio dalle uova, che vengono fecondate in laboratorio singolarmente garantendo quindi una quantità maggiore di avanotti (piccoli pesci allo stato larviale) rispetto a quanto avviene in natura.
I piccoli salmoni vengono allevati in delle vasche fino a raggiungere una dimensione tale (circa 500gr) da poter essere rilasciati (dopo esser stati vaccinati evitando quindi l'uso di antibiotici durante la crescita) in uno stato di semilibertà nelle numerose maricolture del mare norvegese distribuite lungo la costa del nord. Il risultato è un prodotto più sano rispetto a quelli provenienti dalle produzioni in acquacolture intensive e con le stesse caratteristiche organolettiche del salmone selvaggio in quanto prima di essere messi in commercio vivono un'anno nelle acque gelide e incontaminate del mare norvegese.
Inoltre (perdonatemi se mi dilungo ma è necessario dirlo per farvi comprendere il potenziale di questo progetto) per garantire la qualità del pescato in ogni singolo processo, i salmoni nelle vasche di maricoltura non coprono più di 1/3 del volume delle acque per potergli garantire libertà di movimento e il corretto nutrimento. Infine (poi vi racconto del pasto) arrivati alla dimensione ideale per essere consumati (5/6 kg circa) vengono "pescati" non con le rete tradizionali che potrebbero danneggiare i salmoni ma con delle navi speciali con all'interno acqua di mare che li aspirano attraverso dei grossi tubi, consentendo quindi il trasporto allo stabilimento di lavorazione, di un pescato vivo in perfetta salute.

A volte i migliori luoghi si scoprono per caso: The Salmon il ristorante museo nel cuore di Oslo
Postazione di controllo dei vari allevamenti distribuiti lungo la costa nord dei mari norvegesi

Queste le parole di Sandberg CEO di The Salmon: “Vogliamo la crescita, ma deve essere sostenibile. E voglio che la Norvegia guidi lo sviluppo nel settore. La crescita continua è importante per l'economia norvegese, il mare è il motivo del benessere economico in Norvegia. Abbiamo dimostrato che possiamo fare buon uso delle risorse del mare e avere lunghe tradizioni per questo. Dobbiamo continuare con quello. La tecnologia e lo sviluppo sono importanti per la creazione di industrie sostenibili nel mare. "

Come ho mangiato?

Il ristorante ha diverse stazioni con attrazioni di apprendimento interattivo e una scuola museo che ospita studenti da tutto il mondo per aiutare a comprendere che esiste un altro modo di fare le cose.

A volte i migliori luoghi si scoprono per caso: The Salmon il ristorante museo nel cuore di Oslo
Postazione interattiva
A volte i migliori luoghi si scoprono per caso: The Salmon il ristorante museo nel cuore di Oslo
Il banco gastronomia

In genere quando intorno al cibo girano così tante chiacchiere e interessi, difficilmente si riesce a godere di un buon pasto, anche perchè aumentano di pari passo aspettatativa e disincanto, ma non stavolta:

Dal perfetto waffel norvegese con salmone passando per i gamberi affumicati ai nigiri di Halibut grasso e chiudendo con la trilogia di salmone (affumicato a freddo, a caldo e stagionato) è stata una degustazione perfetta. Qttimo rapporto qualità-prezzo considerando la carissima capitale norvegese, la spesa media è 50 euro a persona per una materia prima di straordinaria qualità trattata con rispetto e servita nel miglior modo possibile.

A volte i migliori luoghi si scoprono per caso: The Salmon il ristorante museo nel cuore di Oslo
Il waffel norvegese con salmone, ikura, cipolla rossa e cipollotto con panna acida
A volte i migliori luoghi si scoprono per caso: The Salmon il ristorante museo nel cuore di Oslo
Gamberi affumicati con burro fuso e mayonese
A volte i migliori luoghi si scoprono per caso: The Salmon il ristorante museo nel cuore di Oslo
Nigiri di Halibut grasso
A volte i migliori luoghi si scoprono per caso: The Salmon il ristorante museo nel cuore di Oslo
Trilogia di salmone, affumicato al freddo e al caldo e stagionato
Insomma, per chi non ne fosse a conoscenza ora vi è un nuovo luogo a Oslo da consigliare, da The Salmon, mangerete probabilmente il miglior salmone della vostra vita. Un consiglio? Non fate mancare mai nei vostri viaggi la possibilità di perdervi.