FoodClub | Logo

Kintsugi, il vaso rotto: “Compra, getta, compra” un loop infinito che sta distruggendo il nostro pianeta. Ora è il momento di cambiare.

Siamo responsabili della tradizione del domani, dobbiamo agire ora.

Kintsugi, il vaso rotto: “Compra, getta, compra” un loop infinito che sta distruggendo il nostro pianeta. Ora è il momento di cambiare.
Tradotto in Italiano

Sono sempre stato un amante delle tradizioni e degli oggetti antichi. Trovo difficile dare valore a cose nuove che mancano di simbolismo o carica emotiva.

Il passare del tempo attraverso gli oggetti e l'evidenza che hanno qualcosa da raccontare conferisce loro in un certo senso un valore fetish. I vecchi muri in pietra, i muri scheggiati, il legno invecchiato dei mobili o un parcheggio logoro acquistano nel tempo un valore incalcolabile.

L'altro giorno mi sono imbattuto in un vecchio calamaio, del tipo che si scriveva con l'inchiostro ricavato da una specie di fuliggine estratta dal fuoco delle case. Da gennaio che gira per casa e al di là dell'illusione iniziale di quando è arrivato tra le mie mani, era passato inosservato.

Ora in uno stato d'animo più rilassato a seguito delle vacanze sono tornato a prestargli attenzione e mi sono reso conto che è completamente distrutto. L'oggetto è stato molto ben incollato e restaurato e si presenta in ordine ed elegante come il primo giorno.

Questo mi ha fatto pensare al Kintsugi, la tecnica giapponese per fissare la ceramica. Questa tecnica non solo rende il contenitore riparato più bello, ma lo rende anche più resistente e pregiato rispetto ai pezzi che non si sono mai rotti.

Oggi più che mai il riutilizzo delle risorse, il riutilizzo degli oggetti, la sostenibilità e la consapevolezza che “compra, getta, compra” sta distruggendo il nostro pianeta.

Forse è per via del suo passaggio attraverso la guerra civile che mia nonna non buttava mai niente e in casa sua c'erano sempre tazze rotte e riparate. La cultura del successo nella mia famiglia è sempre stata davanti al consumismo e in qualche modo sono stato impregnato di questi valori dal nido in cui sono nato.

Ritengo che il restauro sia la punta di diamante sotto molti aspetti grazie alla sua esposizione all'ambiente. Siamo prescrittori di nuove tendenze e avanguardie che forse un giorno diventeranno una tradizione nella cultura di un territorio. Per questo, sempre più ristoranti si reinventano alla ricerca della sostenibilità e riducono il proprio impatto sull'ambiente. Ma i tuoi clienti accetteranno di essere serviti con oggetti restaurati?

Foto Haragayato

Originale in lingua spagnola

Siempre he sido un amante de las tradiciones y de los objetos antiguos. Me cuesta darle valor a las cosas nuevas carentes de un simbolismo o de carga emocional.

El paso del tiempo a través los objetos y la evidencia de que tienen algo que contar les confiere en cierto modo de un valor como fetiche. Los muros de piedra antigua, las paredes desconchadas, la madera envejecida de los muebles o un parqueé desgastado adquieren a través del tiempo un valor incalculable.

El otro día topé con un tintero antiguo, de esos con los que se escribía antiguamente con la tinta elaborada de una especie de hollín extraído del fuego de las casas. Desde enero que da vueltas por casa y más allá de la ilusión inicial de cuando llegó a mis manos, me había pasado desapercibido.

Ahora en un estado mental más relajado fruto de las vacaciones he vuelto a prestarle atención y me he dado cuenta de que está completamente roto. El objeto ha sido muy bien encolado y restaurado y luce pulcro y elegante como el primer día.

Eso me hizo pensar en el Kintsugi, la técnica de origen japonés para arreglar la cerámica. Esta técnica  no solo hace mas bello el recipiente reparado si no que lo hace más fuerte  y mas valorado que piezas que nunca se rompieron.

Hoy más que nunca adquiere sentido el reaprovechamiento de los recursos, la reutilización de los objetos, la sostenibilidad y la consciencia de que el “comprar tirar comprar” está destrozando nuestro planeta. 

Es quizá por su paso por la guerra civil que mi abuela nunca tiraba nada y en su casa siempre habían tazas agrietadas y reparadas. La cultura del aprovechamiento en mi familia siempre ha ido por delante del consumismo y de algún modo me he ido impregnado de estos valores desde del nido en el que nací.

Considero que la restauración es la punta de lanza en muchos aspectos por su exposición al medio. Somos prescriptores de nuevas tendencias y de la vanguardia que quizá un día pasará a ser tradición en la cultura de un territorio. Por ello cada vez más restaurantes se reinventan en busca de la sostenibilidad y disminuir su impacto en el medio. ¿Pero, aceptarán sus clientes ser servidos con objetos restaurados?

Credit https://commons.wikimedia.org/wiki/User:Haragayato