FoodClub | Logo

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World è un nuovo locale bar, bistrot, ristorante a Nola con Francesco Franzese ai fornelli

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola
Ro World - Nola (Na)
Via Strada Statale /bis Km 50 - Tel. 333.2111322
Aperto sempre
Sui 50 euro

A un mese dalla inaugurazione, ecco irrompere il Covid19.

Non c'è il tempo di scoraggiarsi e di lamentarsi inutilmente. Si pensi al da farsi.

È stato il messaggio lanciato dal patron Giuseppe Rossini a tutta la squadra.

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, Alfredo Luigi Manzoni maitre, Giuseppe Rossini patron, Francesco Franzese chef

E così la riapertura di questo locale polivalente (bar, pasticceria -affidata ad Antonino Maresca-, bistrot, ristorante -prossimamente roof top-) si è dimostrata centrata.

Ha colto nel segno questa città, Nola, che già si segnala per alcune sue eccellenze operative da un bel po' e per altre appena avviate.

Il bar e il bistrot si affacciano sulla strada e sono sempre molto frequentati.

Il ristorante ha un ingresso riservato e un look metropolitano, per nulla provinciale, molto coerente e armonico con le ispirazioni d'oltralpe e dove anche i più piccoli particolari sono studiati per essere perfetti.

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, la sala

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, la sala

Il cuoco chiamato al comando dei fornelli è Francesco Franzese che si è attrezzato con una brigata di giovani di tutto rispetto, alcuni dei quali hanno curriculum interessanti per la loro esperienza lavorativa e il loro addestramento in cucine stellate non soltanto campane e italiane.

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, Francesco Franzese chef

Il risultato lo si vede dal finestrone che si dipana all'orizzonte della sala e lascia intravedere quello che accade: rigore, disciplina, organizzazione.

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, la cucina

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, la cucina

Buoni presupposti per permettersi un menu ben costruito sulla filosofia dello chef contemporaneamente a tutta una serie di divagazioni possibili grazie a un canovaccio non scritto, ma che è possibile concordare al momento e che va dai crostacei alle carni che riposano nelle celle di frollatura.

Insomma, qui il cliente, soprattutto in questa era pandemica, va coccolato e assecondato, con classe ma assecondato, nei suoi desiderata.

Bene, detto questo, noi ci siamo invece affidati al percorso canonico e abbiamo seguito le indicazioni della carta.

Egregia la tenuta della sala affidata ad Alfredo Luigi Manzoni che governa un bel gruppo di giovani allievi.

Ecco quello che abbiamo assaggiato.

Simpatici amuse-bouche e buoni pani.

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, amuse-bouche

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, grissini

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, pani

Il Peperone sbuttunato. Che poi è il peperone imbottito, must della cucina partenopea, con tutti i suoi ingredienti messi insieme nella scomposizione ricomposizioni di bell'aspetto estetico e di notevolissima intensità gustativa.

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, il peperone

I tacos di ribeye, funghi melanzane fermentate , crema di fagioli neri marinati , e tartufo composti in una sorta di selva ricostruita.

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, tacos

My name is red: gambero di Mazara , San Marzano e rapa rossa. Mangi un gambero fritto e croccante ma allo stesso tempo crudo.

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, il gambero

Maiale di terra. Maiale di mare: spiedo di Patanegra allo zenzero laccato alla salvia, tartelletta di ventresca , maionese alla colatura e funghi fermentati , garofano in carpione.

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, Maiale di terra , maiale di mare

Per primo il Capellino aglio olio peperoncino , con caviale e polvere di alghe.

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, il capellino

Ai secondi.

Ventresca di tonno Balfego, con salsa di burro e zenzero, crumble di tarallo al nero di seppia , maionese al nero e lampone fermentato.

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, la ventresca di tonno

La.porchetta di agnello con il gelato alla pizza di scarole.

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, la porchetta di agnello

Pre dessert: limone fatto con gel di Limone pane, pane tostato con marmellata di albicocca fave di cacao e chips di limone.

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, il limone

Dessert: millefoglie con crema chantilly emulsione di pistacchio ciliege e il suo sciroppo e gelato al pistacchio. Babà: classico babà con gel di fragoline chantilly e panna e la sua versione moderna, babà in crema inglese tostato su marmellata di fragoline sorbetto di fragoline e basilico.

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, babà

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, babà tostato

Piccola pasticceria: finto pomodoro di mango e passion fruit Bigne ricoperto di craclin e crema al cioccolato Gelè di limone,capperi e nasturzio.

Nola (Na) Ro World. Dove Francesco Franzese ti prende per la gola

Ro World Nola, piccola pasticceria

Dunque, diciamolo con chiarezza.

Francesco Franzese sta sviluppando una buona carica creativa guardando diritto in faccia alla tradizione vesuviana e campana.

Il gioco del peperone ne è un pregevole ed egregio esempio.

Il risultato è una proposta incentrata soprattutto sulla golosità e sulla capacità di incidere evocando i ricordi e la memoria gustativa impressa in tanti di noi grazie alla cucina della nonna.

Si tratta di una scelta premiante in questa epoca in cui a tavola ci si siede per essere rassicurati non tanto dai DPI, quanto dalle certezze gastronomiche.